Ceglie Messapica: Gli orti urbani tra le prime cento mete d’Italia 2018

/ Autore:

Cultura, Società


Importante riconoscimento per gli orti urbani di Ceglie Messapica, inseriti nelle prime cento mete d’Italia del 2018. La prestigiosa casa editrice RDE infatti, in collaborazione con Dell’Anna Eventi, ha premiato gli orti urbani di Ceglie Messapica, selezionati tra le tappe d’obbligo, più prestigiose e suggestive dell’intero panorama nazionale. Ufficializzata la notizia, l’iter si completerà con la premiazione dei “magnifici cento” con la partecipazione anche del sindaco di Ceglie Messapica Luigi Caroli. La premiazione si svolgerà giovedì 6 dicembre a Palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica. Il comune cegliese ha avanzato la propria candidatura dopo un iter lavorativo svolto dal sindaco Luigi Caroli e dagli assessori ai prodotti locali Mariangela Leporale, alle politiche agricole Angelo Palmisano e agli orti urbani Antonello Laveneziana. Gli orti urbani e quindi Ceglie Messapica, è stata scelta perché località italiana che si è maggiormente distinta nel campo della “valorizzazione e tutela del prodotto agroalimentare tradizionale”, attraverso un’importante azione di riqualificazione di un terreno in stato di abbandono, promuovendo anche processi di partecipazione ed integrazione sociali, forme di educazione alla sana alimentazione e recupero di vocazione agricola. Con l’uva di una parte dell’orto urbano inoltre si è prodotto il vino “Terra Meje”, progetto sociale di ortoterapia. L’orto urbano di Ceglie negli anni è diventato luogo d’interesse da parte della comunità e ospita annualmente interessanti progetti scolastici di educazione alla corretta alimentazione con la collaborazione della Med Cooking School. “Un prestigioso riconoscimento di livello nazionale che premia l’impegno non solo dell’amministrazione comunale, ma tutta la comunità cegliese che nel lavoro di valorizzazione delle proprie eccellenze, bellezze, culture e tradizioni crede da sempre e continuerà a crederci“- le parole dell’assessore Mariangela Leporale.


commenti

E tu cosa ne pensi?