Consiglio Comunale: l’opposizione abbandona l’aula per protesta

/ Autore:

Politica



Protesta da parte dell’opposizione di Martina Franca durante il Consiglio Comunale di oggi, 28 dicembre 2018. che punta il dito verso un metodo secondo loro non troppo democratico da parte della maggioranza accusata di aver portato, per l’ennesima volta, in Consiglio un provvedimento già impacchettato e pronto per essere approvato senza discussione.

L’opposizione, non nuova a questo tipo di protesta, ha abbandonato l’aula dopo il voto sfavorevole alla richiesta di stralcio di due punti all’ordine del giorno relativi all’approvazione del documento strategico per il commercio e al regolamento per la disciplina degli impianti di pubblicità o propaganda e degli altri mezzi pubblicitari sulle strade e sulle aree pubbliche o di uso pubblico.

Secondo l’opposizione il tempo necessario per studiare i regolamenti non è stato sufficiente, nonostante il lavoro svolto in commissione dai consiglieri stessi in un lavoro concertato tra maggioranza e opposizione. Mauro Bello, consigliere di opposizione e componente della commissione “Attività Produttive”, e quindi direttamente attivo sulla redazione degli stessi, ne ha richiesto lo stralcio a nome di tutta l’opposizione, mentre Michele Muschio Schiavone ne chiedeva il rinvio proponendo il 7 gennaio come data utile per una nuova discussione: “Se non ho capito male – ha dichiarato il consigliere Muschio durante il Consiglio – il regolamento è stato licenziato il 21 dicembre, non abbiamo avuto il tempo materiale di studiare”.

La richiesta però ha visto la dura reazione della maggioranza a difesa del lavoro svolto all’interno delle commissioni: “Personalmente quando sono interessata ad un argomento – ha risposto Elena Convertini dagli scranni della maggioranza – partecipo ai lavori della commissione, anche se non ne faccio parte”.

La bagarre, a tratti con toni molto accesi, ha di fatto portato l’opposizione a decidere di abbandonare l’aula dopo il voto sfavorevole della maggioranza alla richiesta di stralcio.


commenti

E tu cosa ne pensi?