Alberobello: “Monteco…a scuola”. Al via la campagna di sensibilizzazione ambientale

/ Autore:

Società



Lunedì 18 Febbraio inizia ad Alberobello la Campagna di Sensibilizzazione Ambientale nelle scuole organizzata da Monteco e Amministrazione Comunale (assessorato all’Ambiente guidato da Mario Salamida e assessorato alla Pubblica Istruzione guidato da Alessandra Turi)

Le addette all’Ufficio Comunicazione e sensibilizzazione di Monteco Srl ritorneranno tra i banchi di scuola: invece dello zaino porteranno un bustone di rifiuti e l’agenda ricca di appuntamenti prenderà il posto del diario scolastico.

Il progetto coinvolge tutti gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Morea-Tinelli” (guidato dalla prof.ssa Daniela Menga) dalla Scuola dell’Infanzia alla Scuola Secondaria di Primo grado.

Ci saranno i burattini “FatinaProfumina” e “PuzzoPuzzolone” che, uscendo dal teatrino, realizzato interamente con materiali di scarto, racconteranno ai più piccoli della Raccolta Differenziata e della tutela dell’Ambiente. Il bustone pieno di rifiuti servirà a dare l’esempio pratico di come fare correttamente la Raccolta Differenziata.

La Raccolta Differenziata diventerà così un gioco in cui coinvolgere i genitori. I ragazzi saranno chiamati a riflettere su temi quali abbandono ed emergenza rifiuti, riduzione dei rifiuti alla fonte, tutela del territorio e delle acque.

Sarà un lavoro di squadra, una collaborazione che vede protagonisti gli Amministratori comunali, l’azienda e il corpo docenti con l’intenzione di seminare sensibilità e consapevolezza ambientali – dicono l’assessore all’Ambiente, Mario Salamida e l’assessore alla Pubblica Istruzione, Alessandra Turi affinché i cittadini del presente e del futuro abbiano a cuore e abbiano cura dell’Ambiente in cui vivono. I dati record dei primi due mesi e mezzo di raccolta differenziata sono la prova che Alberobello ha già risposto con grande responsabilità al nuovo sistema di porta e porta e su questa strada bisogna lavorare, partendo proprio dalle nuove generazioni”.


commenti

E tu cosa ne pensi?