L’ospedale di Martina Franca punto di riferimento anche per i turisti

/ Autore:

Politica, Società



L’ospedale di Martina Franca sarà punto di riferimento anche per i turisti anziani. Parola di Michele Emiliano, che ieri ha inaugurato i reparti di Pediatria e Cardiologia. Atteso da una folla di persone, il governatore pugliese è arrivato a Martina Franca per verificare lo stato dei lavori. Emiliano, a domanda diretta sul ruolo dell’ospedale della Valle d’Itria tra i megaospedali di Taranto e Monopoli, risponde: ” Qui il sistema stradale che stiamo migliorando non è eccezionale, perché deve rispettare l’ambiente e la bellezza del territorio. Per questo l’ospedale di Martina deve mantenere una centralità strategica. E poi è un ospedale che se lo merita, se i numeri sono quelli che sono. Anche dal punto di vista dell’immagine turistica, perché esiste anche il turismo sanitario, perché c’è gente che viene qui perché sa che c’è un ospedale pronto a gestire tutte le malattie croniche che possono essere un problema per chi vuol far turismo ad una certa età. Ci sono milioni e milioni di euro investiti qui”. L’ospedale quindi ha ragion d’essere sia per i numeri (qui quelli del Pronto Soccorso), sia perché esisterebbe un turismo bisognoso di cure croniche. Nell’occasione della visita, il governatore non ha mancato di attaccare il Governo nazionale, definendone gli esponenti: “provoloni”.

<iframe src="https://www.facebook.com/plugins/video.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FMartinaNews%2Fvideos%2F2291120821169375%2F&show_text=1&width=267" width="267" height="709" style="border:none;overflow:hidden" scrolling="no" frameborder="0" allowTransparency="true" allow="encrypted-media" allowFullScreen="true"></iframe>

Secondo Pentassuglia, invece, il problema principale riguarda il personale: ” Questo è il presidio ospedaliero della Valle d’Itria e sarà di supporto a Taranto, essendo un hub di secondo livello, deve fare eccellenza. L’ospedale di Monopoli sarà punto di riferimento per il sud est barese da Castellana a Fasano, che attualmente ha come riferimento solo il Miulli, che è un ente ecclesiastico. Per cui farà da cuscinetto tra Bari e Brindisi sulla dorsale adriatica. L’ospedale di Martina trova quindi la sua collocazione in questa nuova geografia della salute “. Grazie al lavoro del consigliere regionale si è riusciti a dragare i fondi per i lavori di ristrutturazione e ampliamento.

Durante la giornata, il presidente della Regione Puglia ha inaugurato i reparti di Cardiologia e Pediatria. Scrive così l’ABC di Ester, associazione locale che si batte da anni per rafforzare il reparto: “Sono passati diversi anni dalla chiusura dell’ala unicamente riservata alla pediatria martinese. Il reparto (in trasferta) è stato accorpato ad Ostetricia e Ginecologia con sole due camere dedicate. Abbiamo lottato per 12 anni per scongiurarne la chiusura e abbiamo protestato per il diritto alla salute dei bambini ma alla fine è il risultato ciò che conta. L’A.B.C. di Ester non si è mai arresa e con le donazioni del 5×1000 oggi abbiamo donato: un saturimetro, una bilancia neonatale e il completo arredamento della sala ludica. Nella nuova pediatria sono presenti: 8 posti letto e 2 posti dedicati al day hospital, 4 Pediatri e ben 10 infermieri/e”.

Ecco di seguito alcune tavole dei lavori in corso all’ospedale di Martina Franca:


commenti

E tu cosa ne pensi?