Premiata a Napoli una tesi di Laurea del Politecnico di Bari su Locorotondo

/ Autore:

Società



Lo scorso marzo a Napoli è stata premiata una tesi di laurea dal titolo “Locorotondo. Il centro antico”, in occasione del VIII° Convegno Nazionale, “I buoni interventi di restauro: conservazione, adeguamento, riuso”,  presso Palazzo Reale, nel corso del quale sono stati attribuiti i riconoscimenti del concorso, Premio ARCo giovani.

“Menzione Speciale” è stata attribuita proprio agli autori della tesi : Caterina Anelli,Giorgio Maria Bevilacqua, Annalisa Cascione,Serena Cellie,Antonio De Liddo, Roberta Quaranta.
Ricordiamo che il premio ARCo, promosso dall’Associazione per il Recupero del Costruito (ARCo) è dedicato alle migliori tesi di laurea che abbiano approfondito con contributi nuovi ed originali i temi del restauro, del recupero e della valorizzazione del costruito storico, sia in forma di progetto che di ricerca analitica e/o teorica.

Vediamo nel dettaglio al tesi sul centro demico di Locorotondo. “ Questo lavoro – si legge sul comunicato -di tesi focalizza l’attenzione sul centro antico di Locorotondo (BA) per elaborare linee-guida finalizzate alla redazione di un Piano di Recupero. Queste hanno lo scopo di orientare gli interventi sul costruito, caratterizzato da edifici con singolari coperture dette cummerse, cioè coperture a due falde con manto in chiancarelle che, concentrate qui in una composizione più unica che rara, costituiscono un patrimonio unico e irripetibile. Lo studio effettua una schedatura dei tipi edilizi ricorrenti e degli elementi architettonici caratterizzanti di cui vengono rilevate le principali forme di degrado e indicati gli interventi ritenuti più adeguati nel rispetto dei caratteri identitari del luogo. In applicazione delle linee-guida viene selezionato un isolato di cui vengono riconosciute innumerevoli criticità, per il quale viene messo a punto un progetto di restauro “pilota”. La proposta si estende ai punti di ‘contatto’ con la città moderna particolarmente problematici, i quali presentano scenari degradati e respingenti. In particolare, viene studiata l’area lungo il tratto nord dell’anello immediatamente a ridosso del centro antico, fra via Vittorio Veneto e via Cavour, che si conclude con uno spazio pubblico, denominato Piazza Mitrano, adiacente all’isolato campione. Il progetto attribuisce la funzione di parcheggio pubblico al piano interrato e di spazio di aggregazione articolato su terrazzamenti delimitati da muretti a secco, alla quota superiore, dove i dislivelli vengono superati da un sistema di risalita costituito da rampe, scale e cordonate”.


commenti

E tu cosa ne pensi?