Ceglie Messapica: Si va verso la realizzazione del Centro Risvegli

/ Autore:

Cronaca



Il centro risvegli di Ceglie Messapica sarà attivato nel giro di due anni. E’ quanto emerso nel corso della presentazione del progetto tecnico – economico della Regione Puglia che porterà alla realizzazione di un centro risvegli nella città messapica. Alla presentazione del progetto hanno partecipato il sindaco di Ceglie Messapica Luigi Caroli, il direttore generale dell’Asl di Brindisi Giuseppe Pasqualone, ed il commissario straordinario dell’agenzia regionale Asset, Raffaele Sannicandro. Il centro sorgerà nei pressi della struttura di neurolesi – motulesi “San Raffaele” di Ceglie Messapica. La nuova struttura sarà moderna con ampie stanze, interni ed esterni confortevoli. Quello presentato presso la sala istituzionale del comune di Ceglie Messapica è un progetto preliminare, mentre quello definitivo sarà realizzato nei prossimi mesi. Costo totale, circa 10 milioni di euro. Il tema “centro risvegli” a Ceglie Messapica è stato spesso oggetto di polemiche negli scorsi anni. Il presidio per la salvaguardia dell’ex ospedale della città infatti ha più volte chiesto la nascita del centro risvegli all’interno dell’ex ospedale cegliese. Nei prossimi mesi il progetto definitivo della nuova struttura, che nascerà ex novo e destinata a diventare tra le più importanti in Puglia, sarà presentato alla città. Il centro risvegli sarà realizzato in un’area di proprietà dell’ASL adiacente al Centro “San Raffaele” a Ceglie e dalla Regione Puglia è stato pubblicato l’estratto del bando di gara dell’Asset (Agenzia regionale Strategica per lo Sviluppo Ecosostenibile del Territorio) per “l’affidamento di progettazione definitiva, esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, redazione della relazione geologica e assistenza all’esecuzione di indagini geognostiche e strutturali ed eventuale direzione dei lavori e coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione, per la costruzione di un Centro Risvegli a Ceglie Messapica”.


commenti

E tu cosa ne pensi?