Dalla Regione Puglia 2 milioni di euro per il palazzetto dello sport di Alberobello

/ Autore:

Società, Sport



Con determina n. 67 del 26 aprile scorso (pubblicata sul Bollettino ufficiale n. 46 del 2 maggio) a firma del Dirigente della Sezione regionale “Infrastrutture energetiche e digitali”del Dipartimento “Sviluppo Economico e Innovazione”, ing. Carmela Iadaresta, è stato approvato un finanziamento di 2 milioni di euro che rientra nel P.O.R. PUGLIA Azione 4.1 – Interventi riguardanti infrastrutture pubbliche preposti alla riduzione dei consumi energetici negli edifici e nelle strutture pubbliche, residenziali e non, nonché alla integrazione delle fonti rinnovabili.

Il Comune di Alberobello si era candidato al finanziamento ad ottobre 2017 con un progetto finalizzato all’efficientamento energetico del palazzetto di 2,2 milioni di euro che è stato approvato come 13mo progetto in graduatoria. Ai 2 milioni di euro di fondi regionali si aggiungeranno altri 200mila euro in cofinanziamento da parte del Comune. Alberobello aveva candidato al finanziamento anche un progetto di efficientamento energetico per la scuola “Guarella” per l’importo di 1.050.000 euro che è stato riconosciuto come ammissibile e si è collocato al 181mo posto in graduatoria, in posizione utile per possibili futuri scorrimenti della stessa.

Gli interventi riguarderanno l’impianto termico ed elettrico con, fra le altre cose, isolamento termico delle pareti, isolamento termico ed acustico della copertura, opere impiantistiche, miglioramento delle prestazione energetiche degli impianti tecnologici esistenti (termico, elettrico, fotovoltaico, etc.). Tali miglioramenti si avranno anche grazie all’utilizzo di nuove tecnologie a impatto “0” ed eco-sostenibili. Tutti gli interventi previsti comporteranno un significativo risparmio in termini energetici oltre ad notevole incremento del livello di comfort per i 600 spettatori.

Un aspetto fondamentale da considerare al fine del raggiungimento di un risparmio energetico consistente è il completo distacco degli ambienti destinati a servizi e spogliatoi dall’impianto centralizzato di climatizzazione dell’area allenamento. Per gli ambienti di servizio infatti, sarà installata una nuova caldaia a condensazione alimentata a gas con potenza notevolmente inferiore ai generatori esistenti eliminando così anche l’assoggettabilità della centrale Termica dal controllo dei Vigili del Fuoco. La suddivisione in zone funzionali consentirà una gestione razionale del funzionamento dell’impianto in modo da erogare il calore solo nelle zone ove è necessario.

La zona campo da gioco e spettatori sarà del tutto indipendente e dotata di climatizzazione estiva con UTA autonoma e pompa di calore integrata. L’Unità di ventilazione sarà a doppio flusso con recuperatore di calore al fine di garantire il continuo ricambio d’aria secondo i requisiti minimi di salubrità, garantendo al contempo adeguate prestazioni energetiche e un costante controllo del superamento della soglia di livello di CO2 in ambiente. Il criterio della zonizzazione in aree funzionali è previsto anche per quanto riguarda il nuovo impianto di illuminazione, al fine di consentire la gestione dell’impianto in modo razionale, accendendo così solo le zone ove è necessario. Il nuovo impianto di illuminazione sarà inoltre gestito da un sistema di controllo e dimmerazione, in grado di adattare l’impianto alle esigenze dell’utenza in funzione dello svolgimento di un determinato compito visivo e delle specifiche condizioni ambientali.

È un contributo molto importante che aspettavamo con trepidazione – dice il vice sindaco e assessore ai Lavori Pubblici, Giuseppe Ricciche ci consentirà di avere finalmente un palazzetto all’avanguardia che possa essere la casa dello sport che tutti gli Alberobellesi meritano“. Per questo avviso a valere sui fondi strutturali del POR Puglia 2014-2020, Asse IV, Azione 4.1), la Regione ha stanziato 158 milioni di euro, di cui 30 milioni riservati a progetti presentati da aziende sanitarie pugliesi e 10 per interventi promossi da amministrazioni statali; la somma residua è stata destinata a interventi proposti da altre amministrazioni pubbliche (prevalentemente comuni), finanziati fino alla 101esima posizione.


commenti

E tu cosa ne pensi?