Bimba di Martina Franca muore a 40 giorni. Indagate 8 persone

/ Autore:

Cronaca



Nata senza un vagito e senza un movimento, il 10 aprile scorso, una piccola figlia di una coppia di Martina Franca è spirata al Perrino di Brindisi, dove era stata trasportata d’urgenza dalla clinica Salus. La Procura di Brindisi ha aperto un’inchiesta, è stata disposta l’autopsia e indagate otto persone.

Il travaglio, secondo il racconto della coppia, che si è rivolta agli avvocati Martino Ruggieri e Roberto Ruggieri di Martina Franca, è iniziato alle sedici: dopo un rapido controllo è stato consigliato alla donna di muovere qualche passo a piedi per facilitare il miglior posizionamento della nascitura. Subito dopo, entrata in sala parto accompagnata dal marito, è iniziato il vero e proprio travaglio. «Effettuati i controlli di routine», raccontano tramite gli avvocati, “è stata praticata l’anestesia epidurale e un’iniezione per stimolare il parto naturale. Fino alle venti sono stati svolti diversi tentativi per far nascere la piccola, mentre il medico di turno”, racconta la famiglia tramite gli avvocati, “si sarebbe affacciato solo qualche volta. Solo alle ventuno, con l’avvicendamento del nuovo medico di turno si sarebbe proceduto al parto cesareo, spostando la madre nella sala operatoria”.

Dopo la nascita della piccola, capita la gravità della situazione, è stato disposto il trasporto in ambulanza al Perrino, presso l’Unità di Terapia Intensiva Neonatale, dove la piccola è rimasta in coma fino al primo giugno scorso, quando è spirata.

La Procura ha affidato le indagini al pm Montinaro che a sua volta ha affidato al collegio medico composto dai dottori Urso, Colosimo e Petracca il compito di svolgere l’autopsia, i cui risultati, appunto, saranno resi noti tra qualche settimana.  Secondo il racconto della famiglia, durante il parto naturale l’apparecchio chiamato cardiotocografo, che serve a valutare il benessere del feto durante le fasi di parto, avrebbe dato in più di un’occasione segnale di qualche anomalia che però sarebbero “state sottovalutate dal personale presente nella sala parto”. 

(la notizia è stata riportata da Nuovo Quotidiano di Puglia)


commenti

E tu cosa ne pensi?