Ex Ilva. Guardia Costiera: “Ricerche dell’operaio difficoltose”. Arcelor rallenta la produzione

/ Autore:

Cronaca



Continuano le ricerche dell’operaio disperso dalla sera del 10 luglio, quando a causa del forte vento la gru DM5 sulla quale stava lavorando, al quarto sporgente dello stabilimento siderurgico, è caduta in mare.

Cosimo Massaro è ancora disperso, ma le speranze di trovarlo in vita sono pressoché nulle. Le operazioni, rende noto la Capitaneria di porto-Guardia costiera di Taranto, “sono rese difficoltose a causa della torbidità delle acque e del pericolo conseguente alla presenza dei rottami e delle gru pericolanti e rese instabili dal fortunale occorso”.

L’intera area è sotto sequestro, in linea con le procedure che normalmente partono dopo un incidente di questo tipo.

ArcelorMittal Italia però ha lanciato un segnale importante a seguito del tragico incidente, un rallentamento della produzione con l’obiettivo di mettere in sicurezza lo stabilimento nel pieno rispetto delle normative ambientali.

“È fondamentale – si legge in una nota stampa di ArcelorMittal Italia – che in questo momento tutti lavoriamo in modo efficace e collaborativo: serve massima condivisione tra l’azienda, i sindacati e gli stessi lavoratori per evitare la fermata di Afo1, che è l’unico Altoforno ancora in marcia e per garantire condizioni di massima sicurezza all’interno di tutti gli impianti.”


commenti

E tu cosa ne pensi?