Locorotondo: riaperta la biblioteca comunale

/ Autore:

Cultura, Politica


Ieri pomeriggio, domenica 22 dicembre,  dopo quasi tre anni è stata riaperta al pubblico la nuova Biblioteca Comunale Antonio Bruno. Presenti alla cerimonia di inaugurazioni il primo cittadino, Tommaso Scatigna,  l’assessore Ermelinda Prete e don Adriano Miglietta.

“Dopo 3 anni – ha dichiarato l’assessore Prete – fra bandi non vinti e finanziamenti ricevuti, grazie all’aiuto di volontari, all’impegno e alla dedizione di molti, finalmente questa sera riapriamo la biblioteca.  Molto è stato fatto, ma tanto ancora bisognerà fare…per adesso ripartiamo. Per me è un orgoglio enorme, quando ero fuori dal palazzo comunale, pensavo che tutto fosse più semplice e dubitavo della volontà, del cuore, poi ho scoperto che il bilancio e la burocrazia comandano, dettano i tempi e impediscono ai sogni di realizzarsi velocemente. Ma con caparbietà e determinazione, incassando colpi e critiche, oggi possiamo mostrarvi una biblioteca più sicura per impianto, un luogo che ha acquisito spazi prima inesistenti: un bagno accessibile a tutti, un monta scale e una zona riservata ai bambini. Perché la cultura è di tutti e per tutti.  Ringrazio tutti gli amici che hanno prestato aiuto, Mina che lì ha lasciato le anche (in tutti i sensi), la Orizzonti futuri per aver finanziato il bagno Antonio La Ghezza, Ars Labor per il supporto pratico importante, l’ufficio tecnico per il lavoro e la dedizione, le ragazze delle Piccole stelle, per il volontario aiuto nell’allestimento della nuova area bambino, la mia amministrazione per il supporto e in fine ma non per importanza il mio sindaco Tommaso Scatigna per aver creduto e appoggiato ogni mio tentennare, ogni mia lungaggine”.

La biblioteca  al momento sarà aperta  il mercoledì mattina dalle 10.00 alle 13.00 e il giovedì pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00, successivamente con l attivazione del servizio civico volontario e con le associazioni, si riuscirà a tenerla aperta almeno i 5 giorni lavorativi.


commenti

E tu cosa ne pensi?