Xylella. Regione Puglia: “Le misure fitosanitarie obbligatorie di aprile sono indifferibili e di pubblica utilità”

/ Autore:

Società


Non c’è solo il virus Sars-Cov-2, responsabile della pandemia che sta bloccando il mondo (più della metà della popolazione mondiale è lockdown ndr), in Puglia da anni si lotta contro un altro terribile nemico invisibile, la Xylella fastidiosa.

La Regione Puglia, nell’ambito delle azioni di contrasto alla diffusione di Xylella, tramite il Direttore del Dipartimento regionale Agricoltura fa sapere che il Servizio Fitosanitario Regionale ha provveduto a comunicare ai Prefetti dei territori interessati che le misure fitosanitarie devono essere ritenute “attività indifferibili” e di “pubblica utilità” e pertanto devono essere assicurate con la massima tempestività, pur nel rispetto di ogni precauzione tesa a contrastare il contagio del virus.

Tutti i proprietari e i conduttori di terreni e giardini posti nelle zone cuscinetto e di contenimento, siano essi soggetti pubblici o privati, sono obbligati nel mese di aprile ad effettuare le lavorazioni dei terreni necessarie per eliminare la coltre erbosa su cui vive lo stadio giovanile dei vettori. Ciò comporta la necessità di spostamenti sul territorio, unicamente per queste finalità, non solo degli agricoltori, ma anche di coloro che non lo sono. Analoga condizione riguarda i cosiddetti “hobbysti” qualora siano destinatari di prescrizioni di estirpazione di piante infette ed intendano estirpare volontariamente le piante, nel rispetto della norma fitosanitaria.

Si ricorda che l’obbligo di controllo degli stadi giovanili dei vettori prevede lavorazioni superficiali del terreno, trinciatura, ecc. a decorrere dal 1 marzo fino al 30 aprile.

Sembra che i tempi quest’anno siano molto più ristretti, una lotta contro il tempo che se dovessimo perdere potrebbe significare un aumento del contagio e, di conseguenza, allargamento delle zone infette. Le temperature straordinariamente calde di questo inverno hanno anticipato la metamorfosi della ninfa in adulto abile al volo dei vettori del batterio. A tal proposito gli scienziati hanno immortalato la prima metamorfosi il 22 marzo 2020 a Casarano, i primi esemplari adulti stagionali di Philaenus spumarius L. (sputacchina media) sono stati individuati su diverse specie vegetali. Rispetto alle segnalazioni delle precedenti stagioni (ad es. sempre a Casarano il 17 aprile 2018) si può rilevare un sensibile anticipo del ciclo biologico.

Per saperne scaricate l’opuscolo “Xylella fastidiosa, misure di contenimento e prevenzione” realizzato da infoxylella.it in stretta collaborazione con il Servizio Osservatorio Fitosanitario della Regione Puglia.


commenti

E tu cosa ne pensi?