Defibrillatore donato all’ospedale di Martina in ricordo di Alessandra Sallustio

/ Autore:

Società


Mercoledì mattina è stato consegnato un monitor/defibrillatore modello Bene Heart D3 MindRay, dotato anche degli accessori di sicurezza e controllo per il Covid-19 (macchinario che sarà utilizzato nella sala sospetti Covid-19 evitando l’uso condiviso con i reparti degli attuali macchinari). Al termine dell’emergenza, lo strumento sarà destinato al reparto di Anestesia/Rianimazione del dott. Antonio Rubino.

Cosa è stato acquistato con la raccolta fondi?

Alla presenza del sindaco Franco Ancona, del Direttore Sanitario Gianfranco Malagnino, del dott. Antonio Rubino e dei dirigenti medici, alla presenza dei rappresentanti del Lions Club Martina Franca HOST, il dott. Giannico Giuliani in qualità di presidente, l’ing. Anania Chiarelli e la dott.ssa Antonietta Lella, il Comitato organizzativo della raccolta fondi su Gofund.me ha espresso la piena gratitudine alla cittadinanza per la somma raccolta di € 17.431,45, con cui cifra si è proceduto ad acquistare i DPI (2444 mascherine, 4800 guanti, 150 tute protettive, 120 occhialini, 100 visiere) oltre al monitor/defibrillatore, grazie anche alla partecipazione economica di € 1500 donati dal Lions Club Martina Franca Host.

Il comitato organizzatore ringrazia

Siamo molto soddisfatti per l’enorme lavoro che ci ha visto uniti in questa esperienza unica e sicuramente ripetibile qualora dovesse esserci ulteriore necessità” dichiarano così Giovanna Salvatore e Lucia Fedele di Condivisione Italia – Martina Franca che, a nome del comitato, ringraziano la consigliera comunale Marianna Maggi per aver proposto l’intitolazione del macchinario con una targa in memoria di Alessandra Sallustio, alla presenza della famiglia della giovane ragazza prematuramente scomparsa per un incidente d’auto ed esempio di gioia, di ottimismo e di attaccamento alla vita, in ogni sua forma.

Quello che conta è che la città sia pronta sempre e comunque ad ogni emergenza, nell’esempio dello spirito di volontariato che spinge centinaia di martinesi a fare ogni giorno la loro parte e a sentirsi davvero comunità” afferma così Stefano Coletta, dell’associazione Martina TRE, cogliendo tra l’altro occasione per ringraziare i medici ed il personale sanitario per l’enorme lavoro svolto per la tutela della collettività.

A nostro modo di vedere, è nelle difficoltà che dobbiamo dimostrare la forza di non arrenderci, perché la vita non finisce qui; la sfida che ci aspetta con questa unità trovata fra cittadini, associazioni e istituzioni sarà quella di mantenere alto il senso di comunità” conclude così Giovanni Fumarola di Amore per Martina.


commenti

E tu cosa ne pensi?