Aereo biposto precipitato nel Tevere. Salvo l’istruttore di Martina, trovato il corpo dell’allievo di 23 anni

/ Autore:

Cronaca


Un piccolo aereo è caduto nel Tevere lunedì scorso. Il Diamond Da20, decollato lunedì intorno alle 15,30 da una scuola di volo dell’Aeroporto dell’Urbe, è precipitato nel Tevere poco dopo per cause ancora da accertare.

All’interno del velivolo c’erano l’istruttore, Vito Giannandrea Cito, 30 anni originario di Martina Franca, e l’allievo Daniele Papa, ragazzo di 23 anni che purtroppo è stato ritrovato morto dai soccorritori ancora imbracato all’interno dell’aereo inabissatosi.

L’istruttore è stato trovato ferito vicino al fiume e ora è ricoverato al policlinico Gemelli di Roma.

L’allarme è scattato dopo il decollo era stata segnalata un’avaria al motore e il biposto è sparito dai radar. Le ricerche sono partite da via Vitorchiano dove il segnale gps ha guidato i soccorritori fino al pilota. Secondo quanto avrebbe riferito l’aereo ha perso quota ed è precipitato nel Tevere in un tentativo di ammaraggio. Il pilota sarebbe poi riuscito a uscire dalla cabina di comando, una manovra che sfortunatamente non è riuscita al giovane che è rimasto incastrato al suo seggiolino, all’interno del piccolo aereo.

Sull’incidente ha aperto un fascicolo di indagine anche l’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?