Bar e ristoranti. Ordinanza del sindaco: nel centro storico si chiude alle 2:00

/ Autore:

Società


Continua il pugno duro del sindaco di Martina Franca che, dopo aver annunciato i tre steward che dovranno “regolare” la movida nel centro storico, aggiunge oggi una nuova ordinanza.

Franco Ancona ha infatti firmato il documento che dispone dal giorno 27 giugno 2020 e fino al 30 agosto 2020 la fissazione dell’orario di chiusura dalle ore 2.00 alle ore 5.00 degli esercizi commerciali, ivi compresi i distributori automatici h24 con o senza custodia, ricadenti nelle seguenti aree: ambo i lati di via Paisiello, Via Mercadante, via Rossini, piazza Mario Pagano, via Donizetti, via Pergolesi, via Bellini, Via Mascagni, via Aprile, via Santoro, Corso Italia comprese le vie e le piazze ricadenti all’interno di detto perimetro (Centro Storico).

Il provvedimento arriva – si legge nel documento ufficiale – dopo che “quasi quotidianamente, pervengono da parte di singoli cittadini segnalazioni, lamentele ed esposti che denunciano situazioni di disturbo, nelle ore notturne, della quiete pubblica, di degrado e di alterazione del decoro urbano, derivante dallo stazionamento di soggetti nelle immediate adiacenze degli esercizi presenti nel borgo antico” e che “nelle ore notturne il centro storico diventa polo di attrazione per avventori dando origine a fenomeni di degrado e disturbo della quiete pubblica con conseguente compromissione della qualità della vita delle persone residenti in zona e delle comuni regole di vita civile”.

Il sindaco ha inoltre motivato la sua decisione riportando un rapporto dei Carabinieri di ieri che richiedeva“interventi strutturali che anticipino l’ora di chiusura dei locali nonché il bivacco sulle scalinate della Basilica di San Martino e/o in altri luoghi prospicenti dando così luogo agli schiamazzi e al disturbo del riposo dei residenti oltre che all’abbandono di rifiuti”.


commenti

E tu cosa ne pensi?