Ludopatia: i dati sui comuni della Valle d’Itria. Maglia nera per Martina

/ Autore:

Cultura, Società


L’Agenzia Dogane e Monopoli dello Stato ha pubblicato i nuovi dati sul gioco d’azzardo con la ripartizione del giocato, delle vincite, dell’erario e dello speso per tipo di gioco divisi per comuni.

In Valle d’Itria, nonostante alcuni timidi provvedimenti atti a sensibilizzare la popolazione, si spende ancora tanto per i giochi d’azzardo.

Il totale speso nei comuni della Valle d’Itria è leggermente inferiore al dato del 2017, poco più di un milione in meno, si passa infatti dai 173.480 milioni del 2017 ai 172.236 milioni del 2019.

Tra i comuni che spendono di più c’è sempre Martina Franca, con 76 milioni e una spesa media pro capite di 1.575,25 €, più alta sia del dato pro capite regionale (pari a 1.140,00 €) che a quello dei comuni della Valle d’Itria (pari a 1.271,87 €). Seguono Ostuni con i suoi quasi 40 milioni totali, Ceglie Messapica con 20 milioni e Locorotondo con i suoi 17 milioni di soldi spesi.

Dove si spende di più? In tutti i comuni della Valle d’Itria la spesa maggiore è legata alle Slot Machine (AWB e VLT). A Martina Franca tra le due tipologie di “macchinette” si spendono circa 50 milioni di euro ogni anno. Una cifra incredibilmente alta che, seppur non cresciuta di molto rispetto agli altri anni, rimane tra le più alte in Italia.

Di seguito tutti i dati dei Comuni della Valle d’Itria:


commenti

E tu cosa ne pensi?