Emergenza Xylella: 136 nuovi ulivi infetti tra Monopoli e Martina

/ Autore:

Società


Accanto al Covid-19 in Puglia c’è un’altra emergenza che sta affliggendo il territorio da ormai molti anni, è la Xylella fastidiosa.

Sul sito istituzionale “Emergenza Xylella” sono state pubblicate settimana scorsa 10 comunicazioni Selge (n° 274, 279, 286, 288, 295, 300, 305, 310, 312, 319) riferite al ritrovamento di 136 piante di olivo infette, di cui 2 nella Zona Cuscinetto, in agro di Monopoli (piante distanti e quindi considerabili entrambe nuovi focolai) e i rimanenti in zona di contenimento, nei comuni di Cisternino (24), Fasano (25), Ostuni (72), Ceglie Messapica (8) e, nel tarantino, Martina Franca (5). Anche in zona di contenimento in molti casi i positivi sono riconducibili a nuovi focolai.

L’avanzata inarrestabile del batterio sta seriamente mettendo a repentaglio la Piana degli ulivi monumentali. Ormai la sua presenza è consolidata anche in Valle d’Itria dove si assiste alla moltiplicazione dei focolai nella parte residuale dell’agro di Ostuni ancora monitorata (gran parte dell’agro, essendo in zona infetta, non lo è più), sia a Cisternino che a Fasano sono passati dai due focolai dello scorso anno ai 9 attuali, peraltro a monitoraggio ancora in corso. Tra gli altri spicca un nuovo focolaio a Cisternino con ben 22 alberi infetti, come pure la comparsa in agro di Martina con un focolaio di 5 piante.

Ovviamente particolare preoccupazione è destata dal ritrovamento di nuovi focolai in zona cuscinetto, dove la normativa prevede la rimozione anche delle piante suscettibili circostanti nel raggio di 50 metri.

(fonte: infoxylella.it)

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?