I Sirente, dall’Abruzzo “Vivi a domani”

/ Autore:

Cultura


*di Vincenzo Salamina e Domenico Carriero

Abbiamo intervistato Jonathan Di Felice, frontman dei Sirente, gruppo abruzzese che da poco ha debuttato col singolo “Vivi a Domani”, uscito il 20 novembre, prodotto da Ioska Versari – produttore discografico e direttore artistico di Flebo records – missato e masterizzato da Francesco Tosoni (Noise Symphony).

Jonathan, ci presenti i Sirente?

La band è composta dai fratelli Valerio e Riccardo Giuliani, rispettivamente alla chitarra e al basso, da Matteo Fontana alla batteria, e da me cantante. I Sirente nascono nel marzo 2020 in un periodo storico che ricorderemo a lungo, anche se suoniamo assieme dal 2016 da quando eravamo gli Shades. Come tutte le band abbiamo iniziato a suonare nei piccoli locali, nei pub, nelle piazze di paese: i palchi li abbiamo sempre calcati.

Da dove trae origine il nome Sirente?

E’ un monte abruzzese, una delle vette più alte del nostro appennino dopo il Gran Sasso, al quale siamo molto affezionati. 

Avete debuttato da poco con “Vivi a domani”: parlaci di questo brano.

E’ una canzone che vuole lanciare un messaggio di speranza e rinascita e quindi si collega bene soprattutto al periodo storico che stiamo vivendo. Il brano è stato scritto da Riccardo Giuliani, il nostro bassista. Non si riferisce esplicitamente al terremoto aquilano dell’aprile 2009 ma si ricollega a quello che abbiamo vissuto dopo quel tragico evento. Eravamo più piccoli ma abbiamo subito percepito quella incertezza davanti al futuro nel quale si sarebbero annientati tutti i progetti. Il messaggio di “Vivi a domani” è rialzarsi da tutte le situazioni difficili in quanto possiamo superarle se non molliamo. La lei nel brano non è una persona ma è la musica che è la nostra cura che può risollevarci dai momenti brutti. 

Per “Vivi a domanI” è stato anche girato e pubblicato un video

Il video è stato girato nell’auditorium “Renzo Piano” situato al Parco del Castello de L’Aquila. Ringraziamo ancora il Comune per averci concesso lo spazio che ha un’acustica straordinaria. Nel video i Sirente sono sul palco come se suonassimo in un live, ma con un pubblico costituito dal solo Stefano Grasso Valeri, un grande attore e batterista, nostro caro amico, la persona più adatta per interpretare quel ruolo. Lui balla con il mocio e sogna di stare con i Sirente sul palco. Infatti poi noi scompariamo e sul palco c’è solo lui e questa scena descrive un po’ il disagio sociale che stiamo vivendo; il video è dedicato a tutti i lavoratori, non solo a quelli dello spettacolo. Alla fine Stefano si risveglia e torna alla realtà con le scarpe da palcoscenico. 

Quali sono le influenze musicali che ispirano i Sirente?

Tutti e quattro abbiamo influenze totalmente diverse: io sono nato e cresciuto col cantautorato italiano, Rino Gaetano, Lucio Battisti, ma anche con la musica britannica dei Queen, degli Oasis; Valerio e Riccardo amano i 1965, band brit pop; Matteo ascolta il metal. 

Come state vivendo il periodo del lockdown?

Girare il video, suonando di fronte a una platea vuota, ci ha fatto molta impressione. Noi non siamo capaci di fare concerti online e non vediamo quindi l’ora di suonare nuovamente su di un palco, da cui senti il calore del pubblico. Per noi era la normalità andare in giro e suonare nei locali; anche se non possiamo ancora suonare dal vivo, siamo stati comunque indaffarati a casa per produrre nuovi brani.

Grazie alla tecnologia riusciamo a lavorare comunque da remoto e a rimanere sempre in contatto. La pecca è non potersi vedere e suonare assieme. Abbiamo però una carica addosso che quando ci vedremo suoneremo ore e ore in sala prove! Per fortuna ci conosciamo da tanto tempo e questo permette di avere un feeling tra noi per cui si lavora bene assieme, e questa è una cosa fondamentale in un gruppo.

Grazie ragazzi e attendiamo allora il vostro prossimo brano.

Grazie a voi e un saluto ai lettori di Valle d’Itria News.

*Vincenzo Salamina e Domenico Carriero sono appassionati di musica e conducono un programma su Youtube chiamato Music Challenge (che potete seguire qui). Con ValleditriaNews condividono amichevolmente le interviste a musicisti e artisti noti o meno della scena musicale italiana.


commenti

E tu cosa ne pensi?