I 100 anni del Partito Comunista: il ricordo del PCI di Martina

il 21 gennaio del 1921, a Livorno, con un colpo di “teatro”, nacque il Partito Comunista Italiano a seguito della scissione con i riformisti del Psi. La decisione della frazione comunista di abbandonare il Teatro Goldoni, dove si stava svolgendo il XVII Congresso del Partito Socialista Italiano, per riunirsi nel vicino Teatro San Marco, fu il primo atto verso la nascita del Partito Comunista Italiano.

Il PCI di Martina Franca, attraverso un comunicato stampa, ricorda quel momento storico: “Il 21 gennaio 2021 ricorre il centesimo anno della nascita del Partito Comunista d’Italia. Questa data non rappresenta una semplice ricorrenza, ma ricorda l’avvenimento più significativo per i lavoratori e le classi meno abbienti del nostro Paese. Cento anni fa, un gruppo di uomini e donne, riunitisi nel teatro San Marco di Livorno, posero le basi per un progetto di progresso, democrazia e libertà che ancora oggi è il cardine della nostra Repubblica.”

“Dapprima – continua il comunicato del PCI martinese – la clandestinità, le persecuzioni, le deportazioni e le esecuzioni dei Comunisti ad opera dei fascisti; poi, l’impegno nella Resistenza, la lotta nelle Brigate Garibaldi e nelle altre formazioni partigiane, la Liberazione, le Repubblica Democratica e La Costituzione. Questo è stato il lavoro dei Comunisti nei primi 25 anni di esistenza. Successivamente, hanno portato i Lavoratori nelle Istituzioni, dai piccoli Comuni al Parlamento, hanno sostenuto durissime battaglie per ottenere Diritti sociali e civili, hanno conquistato lo Statuto dei Lavoratori.
Il PCI non è stato solo l’avanguardia del Movimento Operaio e Studentesco, ma è stato anche un partito che fin dagli arbori ha azzerato le differenze di genere nella vita politica; basti pensare che la prima Segretaria Nazionale è stata una Donna, Camilla Ravera.”

“Tuttavia – ricorda con amarezza il PCI – a distanza di cento anni, gli obiettivi prefissi dai Costituenti Comunisti non sono stati raggiunti. Viviamo in una nazione in cui è ancora evidente un forte divario tra le classi sociali, tra chi lavora e chi gestisce il profitto, tra chi accumula grandi capitali e chi a stento riesce a procurarsi da mangiare, tra chi può permettersi le migliori cure e chi trascura la propria salute a causa delle difficoltà economiche e sociali, tra chi ha diverse proprietà e chi non ha un tetto sotto cui ripararsi. Queste sono le contraddizioni che i Comunisti vogliono abbattere e per questo continueranno la strada intrapresa cento anni fa che condurrà la società verso il socialismo. Facciamo appello ai lavoratori, ai precari, ai disoccupati, agli studenti e a tutti coloro che ritengono utile cambiare lo stato di cose esistenti, affinché si uniscano e supportino il PCI. La storia ha dimostrato che si può fare in Italia come nelle altre parti del mondo.

Infine “facciamo nostre le parole di Antonio Gramsci, padre fondatore del Comunismo italiano, e il suo appello sempre vivo: ‘Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra forza’.”

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.