Ciao Dottore

/ Autore:

Società


No ce l’ha fatta  Ubaldo Amati, ex sindaco di Locorotondo.

È morto come muoiono gli eroi. Combattendo.

La notizia è arrivata con una nota della Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri lasciando un vuoto nel paese delle cummerse.

L’ex primo cittadino di Locorotondo aveva contratto il virus quando da volontario aveva accettato di aiutare i pazienti dell’Rsa  Domus Sancta Familia.

A 65 anni non sei obbligato a fare nulla, ma lui l’ha fatto ugualmente.  

Non serve aggiungere altro. Solo Grazie.

Domani per Locorotondo sarà lutto cittadino, come scrive dalla sua pagina Facebook  il neo sindaco Antonio Bufano. “Mi è giunta, pochi minuti fa, una notizia che mai avrei voluto darvi. Ci ha lasciati il dottor Ubaldo Amati. L’amico Ubaldo se n’è andato dopo dure settimane di lotta contro il Coronavirus: una lotta che aveva lasciato profondi strascichi al suo stato di salute. Ubaldo non è stato semplicemente un medico o un ex sindaco straordinario, Ubaldo era legato profondamente alla nostra terra. Ci teneva così tanto che, quando è stato necessario doversi impegnare in prima linea per mettere in sicurezza la RSA Domus Sancta Familia, non ha esitato un solo secondo a dare il suo supporto. Ai suoi familiari, amici e conoscenti, vanno le mie condoglianze più sentite e quelle di tutta l’Amministrazione comunale. In ricordo di Ubaldo, e dell’opera che ha svolto al servizio della nostra città, ho da poco firmato l’ordinanza che dichiara per domani, venerdì 19 febbraio, una giornata di lutto cittadino. Ciao Ubaldo, che la terra ti sia lieve.”

La nostra redazione si stringe al dolore della famiglia.

Buon viaggio Dottore.


commenti

E tu cosa ne pensi?