Centro storico. Avviata discussione. Associazioni: “Bene così, ma si deve continuare”

/ Autore:

Politica, Società


Ieri pomeriggio si è tenuto il primo di una serie di appuntamenti per condividere un percorso sul centro storico di Martina Franca, argomento complesso. All’appuntamento hanno partecipato alcuni residenti, la Pro Loco, le associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti e Horeca, che hanno firmato un comunicato congiunto:

“L’attenzione sul tema del “centro storico” non è mai abbastanza. Per questo Confcommercio Martina Franca, l’associazione Horeca, Confesercenti Martina Franca e la Pro Loco Martina Franca valutano positivamente l’incontro organizzato a Palazzo Ducale per iniziare ad affrontare la questione da diversi punti di vista. L’incontro, al quale erano presenti gli assessori Nunzia Convertini, Pasquale Lasorsa e Bruno Maggi, i consiglieri comunali Giuseppe Cervellera e Angelita Salamina, i dirigenti Giuseppe Mandina e Egidio Zingarelli e il funzionario Orazio Soleti, è stato il primo di un percorso che auspichiamo sia di partecipazione e confronto costante, e per questo attendiamo con impazienza la convocazione per il secondo appuntamento, previsto tra nove giorni.

Le tematiche affrontate sono state molteplici, a cominciare dalla necessità di condivisione della visione e delle strategie, riguardo il commercio, la cultura e la residenza. Si auspica che il percorso di condivisione e concertazione iniziato ieri e che deve continuare in maniera sistematica e organizzata, sia fertile e quanto più inclusivo possibile, e siamo tutti disponibili a fare un passo indietro, ovvero a incominciare dal principio pur di venire a capo di una questione che più di tutte ci sta a cuore, consapevoli che nelle more dell’attività amministrativa, si continuerà a vigilare, segnalare e proporre”.

Massimo Gianfrate per Confcommercio Martina Franca
Gianfranco Palmisano per Horeca Martina Franca
Roberto Liuzzi per Confesercenti Martina Franca
Pino Caramia per Pro Loco Martina Franca

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?