Confindustria Taranto. Chirulli nominato reggente

/ Autore:

Economia


Sarà l’imprenditore martinese Pietro Vito Chirulli (conosciuto da tutti come Pierino) a traghettare la travagliata Confindustria tarantina verso le nuove elezioni.

All’indomani delle dimissioni di Antonio Marinaro, i vertici nazionali dell’associazione degli imprenditori hanno affidato a Chirulli il compito di ricostruire anche la credibilità dell’associazione tarantina. “Lascio questa presidenza con profondo rammarico ma anche con senso di responsabilità e quel sincero spirito di servizio che ha sempre contraddistinto il mio operato. Torno alla cura delle mie aziende, alla mia prima identità, che è sempre stata quella di imprenditore prima ancora che di presidente” ha dichiarato l’ex presidente Marinaro.

Chirulli, che gestisce un gruppo di imprese operanti nel settore dell’economia circolare e dell’innovazione tecnologica, non sarà nominato in quanto vicepresidente vicario perché questa carica, così come tutte le altre, sarà azzerata, ma come emissario diretto di Confindustria nazionale. Il suo incarico, apprende l’AGI, sarà quello di procedere con un ‘cronoprogramma a tappe forzate’ all’elezione di un nuovo presidente di Confindustria Taranto che, dovrà essere tarantino, rappresentativo della base imprenditoriale in termini di credibilità, riscuotere la fiducia della stessa base ed avere il doppio inquadramento e il completo inquadramento.

Per questi ultimi termini, viene spiegato, si intende che l’imprenditore che sarà il futuro presidente di Confindustria Taranto dovrà essere iscritto all’associazione di Taranto ma anche all’associazione di categoria della sua impresa (doppio inquadramento).

Infine, se il futuro presidente è a capo di più aziende o più aziende sono riconducibili a lui, tutte dovranno essere iscritte a Confindustria (completo inquadramento).

Marinaro si è dimesso a meno di due anni dall’elezione per contrasti interni, sfociati nella contestazione di parte della base associativa che si è poi rivolta ai probiviri nazionali di Confindustria chiedendo un intervento specifico. Questi ultimi hanno anche partecipato ad un Consiglio generale di Confindustria Taranto. Marinaro ha presentato le sue dimissioni al presidente di Confindustria Puglia, Sergio Fontana, e oggi in una lettera ha parlato di gesto di “responsabilità”

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?