Commercianti. La protesta di #IoApro e la manifestazione di Confcommercio

/ Autore:

Cronaca, Economia


Ottanta attività commerciali di Martina Franca aderiscono alla protesta #IoApro, che si è diffusa a macchia d’olio in tutta Italia. Nel frattempo, a Taranto, dalle 10.00, Confcommercio porterà il proprio malcontento sulla rotonda del lungomare.

“È una battaglia di tutti, non tra noi, non tra commercianti e partite iva. Aprirò il 7 aprile perché ho bisogno di lavorare, perché lo Stato non può aiutarmi con le spese, per senso civico, perché se dobbiamo convivere con questa situazione non è comprensibile perché alcuni negozi possano stare aperti e altri no”, spiega Roberto Vitullo, di Elleci, uno dei coordinatori della protesta #IoApro. “Non sappiamo ancora quando riaprire ufficialmente, non sappiamo niente. E rispetto allo scorso anno, quando eravamo tutti chiusi e ci cambiavamo le scarpe prima di entrare in casa, le cose sono cambiate: c’è tanta gente in giro, e alcune categorie sembrano dimenticate”, conclude. Avranno tutti le vetrine aperte, ma saranno chiusi dall’interno.

“IL FUTURO NON (si) CHIUDE” … è  il grido di allarme delle imprese del terziario aderenti a Confcommercio. Un appello che le imprese affideranno ai loro rappresentanti con il compito di  testimoniare – in una manifestazione pubblica-  l’urgenza,  condivisa da tutte le categorie associate di consentire (nel rispetto delle regole e dei protocolli di sicurezza) della ripartenza delle attività e di  prevedere  indennizzi e sostegni adeguati alle perdite.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?