Locorotondo: al via il progetto “BLACK MIRROR”

/ Autore:

Politica, Società


Pubblichiamo un comunicato relativo al progetto “Black Mirror”, nato a seguito di un tavolo di concertazione virtuale alla presenza dei Dirigenti degli Istituti Scolastici di Locorotondo, il Centro Risorse Famiglie, l’Assistente sociale e gli Assessorati alla Pubblica Istruzione e alle Politiche Sociali.

Lo scorso 17 febbraio gli Assessori alla Pubblica Istruzione e alle Politiche Sociali hanno convocato durante un tavolo di concertazione virtuale alla presenza dei Dirigenti degli Istituti Scolastici di Locorotondo, l’Assistente Sociale e il Centro Risorse Famiglie gestito dalla Cooperativa Comunità San Francesco – Ugento atto ad organizzare un ciclo di incontri rivolto a 6 classi della Scuola Secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo “Marconi Oliva” di Locorotondo.

Il progetto “Black Mirror” sarà tenuto dal dott.re A. Calamo Specchia Psicologo del Centro Risorse Famiglie. Questo tipo di intervento si ripete, per il secondo anno, nell’Istituto Comprensivo “Marconi-Oliva”; a seguito del  bisogno, riscontrato dalla Dirigente e dai Docenti, che vedono il  mondo del web protagonista nella vita dei ragazzi. Questo mondo è in continuo mutamento e la prima grande rivoluzione è avvenuta con l’avvento dei social network. Dalla comparsa sul mercato degli smartphone, internet ed i social network sono in tasca, sempre a portata di click anche per i più piccoli. Save the Children Italia Onlus ha condotto nel 2013 una celebre ricerca che segnalava come in Italia, a differenza degli altri contesti europei, vi fosse una scarsissima presenza di forme di tutela sul web, da sempre luogo ricco di risorse ma al contempo di pericoli per i minori: dalla dipendenza al gioco, dal cyberbullismo, all’adescamento, alle challege più disparate. Da allora, il nostro Paese ha fatto qualcosa: una legge sul cyberbullismo, una crescente attenzione a fenomeni come il body schaming, l’odio sui social, il razzismo.

Tanto resta ancora da fare anche in considerazione delle mutazioni quasi quotidiane che internet propone ed alla luce dell’ultimo anno solare, così drammaticamente segnato dalla pandemia COVID-19 e che ha segnato una immersione totale nel “black mirror” (lo schermo nero, quello di tablet, PC, smartphone, che ha dato il nome ad una famosa serie TV e che rappresenta il mondo del web).

A partire dall’analisi di questo scenario, l’intervento proposto mira a contrastare un utilizzo ingenuo e non consapevole del web ed in particolare dei social network e di tutti gli strumenti virtuali aggreganti, sviluppando un percorso condiviso con gli alunni e promuovendo un uso consapevole, sicuro e maturo di tali strumenti, evidenziandone le potenzialità e le risorse sane, in un’ottica di prevenzione del rischio di sviluppo di comportamenti di dipendenza (da social network, da videogame, da gioco d’azzardo), cyberbullismo, disagio relazionale.

Il progetto è strutturato in sei incontri; nell’ultimo incontro è previsto il coinvolgimento dei genitori per dar loro una restituzione rispetto al lavoro svolto con i ragazzi e la presentazione degli elaborati che produrranno per genitori e docenti.

“L’informazione e la sensibilizzazione – commentano l’Assessore alla Pubblica Istruzione Ermelinda Prete e l’Assessore alle Politiche Sociali Paolo Giacovelli – crediamo siano gli strumenti base per il futuro dei nostri ragazzi. Loro devono saper riconoscere i benefici della velocità del progresso della tecnologia e al tempo stesso sapere quali sono i lati oscuri che si nascondono dietro a tanto abbaglio. Devono anche riuscire a captare chi potrebbe esser caduto in queste trappole e aiutarlo ad uscire. Utilizzare le piattaforme social per accorciare le distanze e non farsi travolgere dalla frenesia del momento.

Il coinvolgimento dei genitori è la vera chiave di svolta: non è facile districarsi con la tecnologia e molto spesso non sapendo, inconsapevolmente, si lascia ai propri figli la libertà di navigare nel web”  

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?