Nasce Officine di Patto: i cantieri civici di Alberobello. Sguardo orientato alle prossime elezioni

/ Autore:

Politica


Nasce un nuovo movimento politico ad Alberobello, Officine di Patto. Una community desiderosa di trasformarsi in una proposta politica per le prossime elezioni amministrative.

Il progressivo e lento sfaldarsi dell’esperienza amministrativa di Alberobello e le continue divisioni dell’area politica sia di maggioranza che di opposizione – si legge nel comunicato di presentazione inviato alle testate giornalistiche-, hanno fatto crescere la disaffezione dei cittadini verso la politica priva di slancio, incapace di indicare una rotta per la nostra comunità, depressiva nei confronti delle tante energie positive della nostra città. Questa consapevolezza di alcuni ma non di tutti, vogliamo consolidarla e trasformarla in un’onda di entusiasmo dei tanti cittadini, impegnati quotidianamente per il bene comune della nostra Alberobello.

Officine di Patto – continua il comunicato – nasce come una community desiderosa di trasformarsi in proposta organica per la nostra città. Quindi ti chiediamo di fare la tua parte partecipando al ‘cantiere civico’ per progettare un modello di ‘buona politica alberobellese’ guardando all’orizzonte dell’appuntamento elettorale con una proposta all’altezza del ruolo che Alberobello può e deve avere nel territorio.”

In una piccola comunità come quella Alberobellese sono fondamentali il dialogo e il contributo di ciascuno di noi. In particolare all’economia locale chiediamo di scendere in campo con idee e impegni precisi, in quanto motore del nostro sviluppo. La strategia del progetto si basa tuttavia su un modello di cooperazione che coinvolge stakeholders di diversa provenienza – imprese, associazioni, sindacati, singoli cittadini, ecc. – in una fucina di idee finalizzata alla definizione di soluzioni inedite e concrete, in risposta ad istanze di ripartenza che, ora più che mai, sembrano più che mai minacciate nella costruzione del futuro della nostra comunità.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?