Il sindaco assume la moglie di un consigliere. FdI: pagina peggiore della storia di Martina Franca

/ Autore:

Società


Il coordinamento cittadino di Fratelli d’Italia interviene sulla questione legata alle assunzioni comunali, dopo il recente ingresso a Palazzo Ducale della moglie di un consigliere di maggioranza:

Semplicemente inaccettabile il perdurare dell’attuale percorso di governo cittadino dove dilagano nepotismi dell’ultima ora, prebende elettorali e inaugurazioni passerella cadenziate come armi di distrazione di massa per nascondere ai Martinesi il degrado morale ancorché deontologico della peggiore gestione di sempre.

I sotterfugi col trascorrere del tempo si istituzionalizzano, diventano parte di un sapere comune che genera assuefazione e resistenza alla capacità critica e quando Fratelli d’Italia a Martina Franca ha iniziato la sua battaglia di opposizione costante ha trovato una cittadinanza viziosamente assuefatta ai giochi di potere del “mal governo anconiano” degli ultimi nove anni.

Ma siamo riusciti a risvegliare la capacità critica di ciascuno di noi e oggi leviamo alto il grido di indignazione alle ultime magagne messe in atto a Palazzo Ducale, che ha portato l’amministrazione Ancona a scrivere la peggiore pagina di storia della nostra Martina.

Oggi non si dissocia solo il Partito di Fratelli d’Italia, ma da questa condotta prende le distanze la Popolazione Tutta che non può sopire inerme alla costante violenza del potere dispotico e dissacrante, ma cerca di ricucire le fila della “vera politica” dove la progettualità, l’interesse comune per la cosa pubblica, in sintesi il senso del dovere civico e sociale imperi al di sopra degli interessi privati e poltronistici della vecchia classe dirigente.

Il tutto fa supporre che la campagna elettorale sia iniziata con grande anticipo, ma iniziata nel modo peggiore.

Una maggioranza oramai risicata che il sindaco Ancona prova a tenere ancora in piedi in cambio di promesse e perché no, nuovi incarichi.

Intanto la nostra città soffre, i nostri commercianti soffrono, le nostre attività soffrono…le nostre famiglie e i nostri professionisti soffrono!

Un’amministrazione sorda e cieca, che anzichè ascoltare il grido di aiuto dei propri cittadini, monopolizza la città.

Come può ancora amministrare una maggioranza che ridotta ai minimi termini, rinuncia all’autonomia decisionale dei propri consiglieri, legati mani e piedi al proprio sindaco che in cambio di un voto favorevole è disposto a scegliere tra figli e figliastri?

Negli ultimi giorni tra assunzioni nello staff del sindaco e incarichi per il censimento delle aree verdi, abbondano i “doni” di fine legislatura e “inizio” campagna elettorale! … quali sorprese ancora ci riserveranno i prossimi mesi?

Non piegheremo la nostra integrità in nome di un superfluo perbenismo, ma anzi quanto prima Fratelli d’Italia depositerà una interrogazione consiliare che accenda un faro sulle ultime decisioni prese nelle segrete stanze del potere dell’amministrazione Ancona.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?