Processo Ilva. L’avvocato di Vendola annuncia l’impugnazione della sentenza

/ Autore:

Ambiente, Cronaca


Si è concluso lunedì 31 maggio, dopo un numero sterminato di udienze, con la lunga pronuncia del dispositivo da parte della Corte d’Assise di Taranto, il processo di primo grado, denominato “Ambiente Svenduto”.

Si è trattato di una pronuncia molto dura, che ha forse risentito anche della situazione ambientale e che ha avuto
un fortissimo impatto mediatico e sociale. Alla fine, la Corte d’assise di Taranto, ha inflitto 22 di reclusione a Fabio
Riva e 20 al fratello Nicola. 21 anni e mezzo a Girolamo Archinà (qui tutte le condanne).

Condannato anche l’ex governatore Nichi Vendola, accusato di concussione aggravata in concorso, alla pena di 3
anni e mezzo. Durissime sono state le parole a caldo dell’ex leader di SEL, per l’inaspettato verdetto “Mi ribello ad
una giustizia che calpesta la verità, combatterò contro la carneficina del diritto
”, ha annunciato che “non starà più
zitto
” aggiungendo che i giudici “hanno umiliato persona che hanno dedicato l’intera vita a battersi per la giustizia e la legalità” storia. Il suo legale, il penalista Francesco Zaccaria, che è di Martina Franca, ha annunciato l’impugnazione della pronuncia della Corte, affinché venga riconosciuta l’innocenza del suo assistito. Zaccaria assiste anche il parlamentare e segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni, per il quale è stata dichiarata la prescrizione.

L’avvocato commenta la sentenza: “Al netto di ogni considerazione, non va dimenticato che al Presidente Vendola vada riconosciuto il merito di aver affrontato politicamente per la prima volta in maniera fattiva, la complessa e radicata realtà “Ilva”, dalle leggi regionali all’avanguardia, alla sfida del monitoraggio diagnostico, riuscendo a mantenere un difficilissimo equilibrio tra la tutela del diritto alla salute e del diritto al lavoro. Un vaso di Pandora scoperchiato dopo ben quarant’anni“.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?