Regolamento del commercio. Presto incontro in commissione

/ Autore:

Economia, Politica


Il regolamento del commercio di Martina Franca è l’argomento caldo. Richieste di revisione arrivano sia dall’opposizione (Vincenzo Angelini e Città Nuova) sia dalla maggioranza (Giuseppe Cervellera). In particolare è quest’ultimo che spinge affinché il regolamento venga rivisto, perché bloccherebbe importanti investimenti privati. Entrambi fanno una proposta di delibera e in merito a queste si attende il parere favorevole del dirigente del SUAP Giuseppe Mandina. Voci da Palazzo Ducale fanno intendere che ci sarà presto un incontro in commissione Attività Produttive per condividere la posizione del dirigente che, però, non è nota.

O meglio, mesi fa Mandina e il funzionario Orazio Soleti avevano inviato una nota firmata con la quale si chiedeva di rivedere il regolamento, in funzione della ormai famigerata nota all’articolo 5, che non autorizza l’apertura di nuove medie strutture commerciali se non hanno almeno il 60% di superificie dedicata alla vendita di alimentari. Con le nuove bozze di delibere, invece, serve un parere preciso.

Secondo Maria Marangi, presidente della commissione, non è stato ancora notificato nulla di ufficiale e quindi non si sa di preciso quando sarà convocata la commissione.

Secondo quanto comunicato da Cervellera in un video diffuso sul suo canale Facebook, sarebbero diverse le proposte di investimenti privati che giacciono negli uffici in attesa di pareri. Abbiamo controllato e secondo le nostre fonti questo non è vero, e anche per quanto riguarda l’apertura del centro commerciale in viale Stazione, il fatto che ha scoperchiato il vespaio, al Suap non c’è alcuna richiesta, se non una di ristrutturazione edilizia. I consiglieri, in sostanza, si stanno battendo su proposte imprenditoriali che ancora devono essere protocollate.

Serve far notare, per amore di cronaca, che entrambi i consiglieri comunali hanno votato favorevolmente alla proposta di regolamento discussa nel 2018.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?