Regolamento del commercio. Donnici lascia la commissione. “Sciacallaggio politico”.

/ Autore:

Economia, Politica


Se qualcuno pensava che con il parere del dirigente in merito al Regolamento del Commercio tutto si sarebbe placato, così non è stato. Questa mattina il consigliere comunale Vittorio Donnici ha rassegnato le sue dimissioni dalla commissione consigliare Attività Produttive.

Di fatto Donnici, che da anni guida la cooperativa d’acquisto Salvador Allende, era l’elefante nella stanza e da più parti si era sollevato il presunto conflitto di interessi del consigliere nei confronti di un regolamento che sembrava impedire l’apertura di nuove medie strutture. Così non è, afferma il dirigente con atto ufficiale, e Donnici dà il benservito ai colleghi. “È sciacallaggio” commenta il collega del gruppo Antonio Lafornara, che ha spiegato alla stampa quanto accaduto. “Oggi abbiamo capito che non c’erano motivi ostativi per l’apertura di nuove medie strutture e qualora si dovesse abrogare un passaggio del regolamento è necessario fare la concertazione. Tutto questo è stato montato ad arte per fare sciacallaggio politico nei confronti di Vittorio Donnici. Qualche consigliere ha detto che c’era incompatibilità, ma non c’era, perché rappresentava i suoi elettori. Ritengo che tutta questa montatura faccia parte di un disegno ampio per screditare le persone che hanno lavorato per i cittadini martinesi”.

In merito alla richiesta per la quale è partita tutta la polemica, ovvero l’investimento in Viale della Stazione (qui l’intervista al proprietario dell’immobile), Lafornara commenta: “C’è stata solo una richiesta di una persona che ha fatto istanza di demolizione e ricostruzione, pertanto non c’è stata alcuna richiesta di apertura di media struttura. Solo la richiesta di un parere. Il progetto deve essere ancora esaminato, e solo dopo possiamo porci il problema. Non c’era alcuna richiesta ufficiale. Proprio per questo ritengo ci sia stato un tentativo di sciacallaggio politico”.

Non ci saranno problemi in maggioranza: “È stato solo il tentativo di avere visibilità, anche nella maggioranza, di chi gioca a fare il piccolo sindaco”.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?