Pug. San Paolo: presa in considerazione la proposta di tornare al vecchio piano

/ Autore:

Politica


Dopo il secco no registrato a San Paolo da parte di Ancona, sono state avviate le trattative per comprendere in che modo modificare il Pug per incontrare gli interessi degli abitanti della frazione di Martina Franca. Ieri sera è stata ricevuta una delegazione di sanpaolini, così come spiega il comunicato di Palazzo Ducale, con la quale sembra che Ancona e Lacorte abbiano dimostrato segni di apertura per tornare sui propri passi, rispetto alla possibilità di edificare:

“Si è tenuto venerdì sera 5 novembre a Palazzo Ducale un nuovo confronto sul PUG fra una delegazione di San Paolo, il Sindaco Franco Ancona e l’ingegnere Lorenzo Lacorte. La delegazione ha incontrato il Sindaco e il progettista e coordinatore dell’Ufficio di Piano per approfondire alcuni aspetti del Piano Urbanistico Generale che riguardano la contrada.

L’incontro, al quale hanno partecipato anche i Consiglieri comunali Paolo Vinci e Maria Marangi, è stato convocato in quanto nel precedente, del 25 ottobre a San Paolo, alcuni cittadini avevano avanzato delle proposte di modifica di alcuni aspetti del piano.

La delegazione, formata prevalentemente da tecnici residenti nella contrada e da un imprenditore agricolo, ha manifestato la necessità che si torni all’intero perimetro del vecchio piano particolareggiato scaduto.

La proposta è stata presa in considerazione e sarà oggetto di un apposito contributo di approfondimento per la definizione degli ambiti che la qualificata delegazione ha preannunciato per i prossimi giorni.

Il Sindaco ha ringraziato per la partecipazione e per l’apporto propositivo coloro che sono intervenuti, sottolineando che quando il confronto sulla elaborazione del PUG si svolge in maniera serena e costruttiva può essere proficuo e può portare buoni frutti.

Anche la delegazione ha  ringraziato il Sindaco Ancona per la disponibilità dimostrata e l’attenzione verso le richieste di chiarimenti e le argomentazioni esposte”.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?