Foibe e formazione serale. Domani due interessanti iniziative a Palazzo Ducale

L’esperienza didattica dei corsi serali all’IISS Maiorana tra il docente Maurizio Seggioli e la studentessa Maria Idria Semeraro raccolta nel libro “Storie… di sera” (Rossini Editore). I due autori dell’autobiografica narrazione letteraria presenteranno il loro lavoro domani 16 novembre alle ore 18 a Palazzo Ducale – Sala degli Uccelli.

Interverranno l’assessore al Diritto allo studio Antonio Scialpi, la professoressa Anna Maria Mele, Dirigente scolastico dell’IISS Majorana e i due autori. L’iniziativa rientra nella rassegna “Incontri con l’autore” promossa dall’Assessorato alle Attività Culturali e Diritto allo Studio del Comune di Martina.

***********

“Dalle foibe ai campi profughi: l’odissea dei 350.000 istriani, fiumani e dalmati” è il tema della mostra che sarà inaugurata domani 16 novembre alle 17 a Palazzo Ducale. La mostra allestita nelle Sale D’Avalos ricalca puntualmente, anche se in forma ridotta, l’esposizione del Museo di Carattere Nazionale CRP di Padriciano, l’unico sito in Italia che illustra – nell’area del più grande campo profughi (per una superficie di 2,5 ettari) realizzato nel nostro paese per l’accoglienza delle migliaia di istriani, fiumani e dalmati in fuga dalla Venezia Giulia occupata prima ed annessa poi dalla Jugoslavia comunista – la difficile vita dei nostri connazionali profughi.

Articolata su pannelli didattici, la rappresentazione di un assortimento di masserizie originali dalle collezioni del Museo, la  mostra ha lo scopo di approfondire una tematica poco conosciuta, ovvero la lunga odissea dei 350 mila Esuli adriatici accolti in Patria ed internati in oltre 120 strutture dal Friuli alla Sicilia e dalla Puglia al Piemonte, molti dei quali vissero in fabbricati malsani ed inadeguati anche per oltre dieci anni. I dati pubblicati nei pannelli  sono stati raccolti in oltre quattro anni di ricerche condotte nei maggiori archivi italiani, ed in particolare nell’Archivio centrale dello Stato in Roma.

La mostra è resa possibile grazie ad un contributo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale e del Ministero della Cultura.

“È un’iniziativa coerente con la giornata del ricordo delle vittime delle Foibe che abbiamo sempre celebrato in città e la mostra rafforza la documentazione storica e le testimonianze su questa ferita storica che va condivisa con le nuove generazioni”. Ha dichiarato l’assessore alle Attività Culturali Antonio Scialpi.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.