Covid, Conserva a Emiliano: per i richiami potenziare hub e orari

/ Autore:

Società


Vaccini, Conserva: “Potenziare hub e orari”. Il consigliere regionale si rivolge al presidente e assessore alla sanità Emiliano: “Evitare il rischio code e disagi per la terza dose”:

“Dal 1° dicembre anche i maggiorenni potranno prenotare la dose di richiamo anti-Covid tramite il portale regionale. Una gran bella notizia che però deve necessariamente essere accompagnata da una seria ed efficace organizzazione. Purtroppo, ad oggi, riscontriamo che il piano messo a punto dalla Regione Puglia per velocizzare sulla somministrazione delle cosiddette dosi ‘booster’ non è stato del tutto attuato. Mancano ancora tantissimi hub vaccinali da rendere operativi”. Questo è quanto dichiara il consigliere regionale Giacomo Conserva, componente della III Commissione regionale Sanità.

“Non è possibile – aggiunge Conserva – che nella provincia ionica siano attivi solo sei hub vaccinali, di cui la maggior parte operativi in modalità part time con massimo tre aperture settimanali e orari ridotti. Siamo ancora lontani anni luce dalla linea regionale che prevede hub aperti sette giorni su sette per ben dodici ore giornaliere”.

“La platea dei cittadini che possono e potranno ricevere la terza dose si allarga sempre di più, tenuto conto anche della riduzione di un mese del periodo tra il completamento del ciclo vaccinale primario e la dose booster. In più, a pochi giorni dall’annuncio del super green pass da parte del governo centrale, sono in aumento le prenotazioni per la prima dose. Il rischio code e disagi, quindi, è dietro l’angolo e dobbiamo farci trovare pronti per evitare il caos nel pieno delle festività natalizie. Il presidente e assessore alla Sanità Emiliano intervenga subito di concerto con l’Asl di Taranto. E’ necessario potenziare immediatamente il numero di hub vaccinali presenti sul territorio ionico, aprire anche il sabato e la domenica e prolungare gli orari delle somministrazioni” ha concluso il consigliere regionale Giacomo Conserva.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?