Covid. Aperto il bando regionale per i ristori agli ambulanti

/ Autore:

Economia


Ristori ambulanti: il bando della Regione Puglia è aperto fino al 31 gennaio. C’è tempo fino alle 16.00 del 31 gennaio 2022 per presentare domanda per i ristori agli operatori ambulanti del commercio su aree pubbliche della provincia di Taranto e delle altre province pugliesi, che sono stati soggetti a restrizioni in relazione all’emergenza da COVID-19:

«È un intervento di rilievo che offre importanti ristori ad un comparto, quello del commercio ambulante, molto presente sul nostro territorio e fortemente colpito dalle misure restrittive conseguenti alla necessità di contenere la pandemia – commenta il Commissario Straordinario della Camera di commercio di Taranto, on. Gianfranco Chiarelli. Come Ente camerale abbiamo subito assicurato la disponibilità a sostenere questa iniziativa».

La gestione del bando, per il quale la Regione Puglia ha destinato agli ambulanti pugliesi 4 milioni di euro, è stata infatti affidata, d’intesa con ANCI Puglia, ad Unioncamere Puglia con il supporto delle Camere di commercio pugliesi, fra le quali quella di Taranto.

«La procedura per la presentazione della richiesta di ristoro non presenta particolari complessità, è anzi facilmente accessibile in forma telematica e consentirebbe ad un ampia platea di operatori di vedere parzialmente compensate le difficoltà di questi mesi così drammatici  – conclude l’on. Chiarelli. Invito tutte le imprese che ne abbiano i requisiti a partecipare e le rappresentanze della categoria a dare ampia diffusione di questa opportunità».

Possono presentare domanda esclusivamente per via telematica, attraverso la piattaforma RESTART https://restart.infocamere.it, ed essere beneficiari dei contributi previsti dal bando, gli ambulanti che nell’anno 2020 abbiano registrato un calo di fatturato di oltre il cinquanta per cento rispetto all’anno 2019. 

Qui tutte le informazioni: http://www.camcomtaranto.gov.it/Pagine/news/2021/20211213_Bando_Ristori_Ambulanti.html

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?