Raccolta differenziata, approvato il progetto del centro di raccolta a Ortolini

/ Autore:

Ambiente


Nei giorni scorsi la Giunta ha approvato il progetto definitivo di ampliamento del centro comunale di raccolta dei rifiuti differenziati sito in località Ortolini:

L’intervento sul Centro Comunale di Raccolta consisterà: nell’’ampliamento dello stesso e nell’incremento delle aree per lo stoccaggio dei rifiuti urbani ed assimilabili; la realizzazione di due tettoie dedicate rispettivamente allo stoccaggio di RAEE e ingombranti; la realizzazione di parcheggi; la realizzazione di un’area dedicata al “riuso” al fine di prevenire la produzione dei rifiuti e limitare le quantità di scarti da avviare allo smaltimento in discarica.

L’intero importo, di 300.000 euro, è stato finanziato con i fondi a valere sul POR Puglia 2014-2020, al cui finanziamento è stato ammesso il Comune di Martina Franca.

“Puntiamo a rafforzare il ruolo dei Centri Comunali di Raccolta, che offrono un servizio importante per i cittadini. Un numero sempre crescente di utenti si rivolge ai due centri per conferire quotidianamente i propri rifiuti differenziati e passo passo in questi anni siamo  intervenuti per ampliarne le possibilità.

Questo finanziamento regionale ci da la possibilità di migliorare strutturalmente il centro di Ortolini anche con un’area dedicata al riuso e quindi, seppure in piccola parte, di limitare la produzione di rifiuti. – ha sottolineato l’Assessore all’Ambiente Valentina Lenoci.

Ricordiamo che i Centri Comunali di Raccolta sono siti:

  • in Zona Industriale alla via G. Marraffa –  Aperto al pubblico dal lunedì al sabato dalle ore 09.00 alle ore 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00.
  • in località Ortolini, in Strada Padre Bonaventura, 12. – Aperto al pubblico il lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì e sabato dalle ore 13.00 alle ore 19.00, martedì dalle ore 13.00 alle ore 16.00, domenica dalle ore 9.00 alle ore 12.00.

I Centri di Raccolta sono chiusi nei giorni festivi.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?