Stadio “Tursi”. L’Amministrazione conferma: “nessuna demolizione senza la nuova struttura al Pergolo”

/ Autore:

Sport


L’Amministrazione comunale, attraverso un comunicato stampa, ha voluto rassicurare tutti gli appassionati di calcio che lo Stadio comunale Tursi non verrà abbattuto fino a quando non sarà disponibile la nuova struttura al Pergolo.

Il Tursi – si legge nel comunicato stampa – resterà a disposizione del Martina e dei tifosi biancazzurri fino a quando la ristrutturazione del nuovo stadio del Pergolo non sarà stata ultimata per renderlo più bello, più sicuro e soprattutto adeguato ai campionati professionistici in cui speriamo possa tornare presto la nostra squadra. Quindi, vogliamo rassicurare i tifosi e tutti coloro che hanno a cuore le sorti dei colori biancazzurri. L’Amministrazione comunale segue costantemente vicende e risultati del Martina, condividendo le soddisfazioni e i momenti di gioia che la squadra sta regalando in questa stagione calcistica, con la discrezione che ha sempre mantenuto nel tempo. È concretamente vicina alle esigenze della società e dei tifosi, infatti ha messo gratuitamente a disposizione della società il Tursi dopo aver completato, a febbraio del 2020, i lavori di manutenzione e di messa in sicurezza della tribuna coperta e della parte centrale dei distinti che hanno consentito la riapertura di entrambi i settori. E assicura importanti servizi alla società.”

Il Tursi – si legge ancora – rappresenta un pezzo di storia a cui tutti siamo affettivamente legati, ma occorre prendere atto che la sua collocazione, in un contesto urbano cresciuto nei decenni, non è più idonea. Inoltre lo svolgimento delle partite comporta problemi di sicurezza puntualmente richiesti dalle autorità competenti. Per questo, nell’ambito di un’ampia programmazione di riqualificazione urbana, abbiamo individuato una valida alternativa nello stadio del Pergolo e per il secondo lotto dei lavori abbiamo ottenuto 2,5 milioni di euro dai fondi del PNRR. Un intervento che renderà l’intera area fortemente attrattiva.”

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?