Pug. Possibile seconda convocazione. Documenti disponibili da ottobre, ma la commissione si è riunita a marzo

Sarà possibile un Consiglio comunale in seconda convocazione per discutere del Piano Urbanistico Generale di Martina Franca. Lo scrive il presidente del Consiglio Donato Bufano, in risposta alla richiesta di chiarimenti da parte del Prefetto di Taranto.

Su cosa ha chiesto chiarimenti il Prefetto di Taranto?

La richiesta di chiarimenti riguarda la mancata convocazione in modalità mista, sulle date di convocazione non concordate con la minoranza, sulla convocazione in seconda e sui mancati lavori in commissione urbanistica e quindi sul presunto conflitto di interessi ai sensi dell’articolo 78 del Testo Unico sugli Enti Locali, al quale ha fatto riferimento il consigliere Chiarelli annunciando la sua astensione.

Cosa ha risposto il Presidente del Consiglio?

Il presidente Bufano ha risposto venerdì, con una lettera controfirmata dalla segretaria generale Lucia D’Arcangelo, dove spiega che è impossibile convocare il Consiglio in modalità mista, solo per l’assenza di un consigliere, perché non previsto dal regolamento sul funzionamento del Consiglio comunale, che apre a questa opportunità solo “in situazioni di emergenza che non consentono lo svolgimento del Consiglio comunale nelle sedi fisiche del Comune”.

La discussione su questo che può sembrare un cavillo era divenuta cruciale il 5 aprile scorso, quando a causa dell’assenza della consigliera leghista Pasquina D’Ignazio, per un momento si è palesata la possibilità dell’adozione del Pug, con dodici voti contro undici.

Per quanto riguarda la questione legata alla seconda convocazione, Bufano spiega, sostenuto da una lettera della D’Arcangelo, che un punto all’ordine del giorno non può definirsi discusso se sono intervenuti solo due consiglieri, perché è venuto meno il numero legale, per l’abbandono dell’opposizione, e che ad altri consiglieri che si erano prenotati non è stato possibile dare la parola. “A parere dello scrivente” conclude Bufano, “il punto non può ritenersi discusso […] e quindi lo stesso può essere oggetto di seconda convocazione”.

È possibile quindi aspettarsi una convocazione a breve per concludere la discussione sul Pug di Martina Franca, ma il sindaco aveva precisato di voler arrivare in Consiglio entro e non oltre la data di oggi. È possibile quindi pensare che non ci sia più spazio per le convocazioni?

La vicenda, come i lettori più attenti avranno già capito, è strettamente intrecciata con quella delle prossime elezioni.

Rimane un’ultima questione: la discussione del Pug in commissione Urbanistica, guidata da Antonio Lafornara, ex Pd, ma ormai stabilmente all’opposizione. Secondo il centrodestra non ci sarebbe stato il tempo di approfondire l’argomento, eppure, fa notare Bufano nella lettera al Prefetto, nonostante il Piano urbanistico sia nelle disponibilità della città e quindi dei consiglieri dal 6 ottobre scorso, la commissione si è riunita la prima volta solo il 29 marzo e poi il 4 e il 7 aprile.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.