SS 172, allarme di Perrini: a Orimini sarà un’altra estate di disagi?

/ Autore:

Società


“Nonostante le rassicurazioni il timore che il tratto stradale della Statale 172 – in modo particolare fra Orimini e Taranto – rimanga anche per l’estate 2022 un cantiere si fa ogni giorno più concreto. Per questo due mesi fa avevo sollecitato l’assessore ai Trasporti Maurodinoia a effettuare, insieme ai tecnici dell’Assessorato, un sopralluogo per verificare il cronoprogramma che prevede la conclusione a giugno. Vale a dire il mese prossimo!

“L’ultimo sopralluogo effettuato è stato un anno fa, il 14 maggio, l’assessore mi rassicurò che i lavori, allora fermi, sarebbero stati immediatamente ripresi. Impegno che fu preso sulla stampa il giorno dopo anche l’ing. Vincenzo Marzi, responsabile struttura territoriale Puglia Anas. E’ stato lui ad annunciare che la conclusione degli stessi lavori, riguardanti l’intera tratta SS 172, sarebbe avvenuta per metà luglio 2021, ma a luglio scorso non solo i lavori non erano finiti, ma il problema fu sollevato in quinta Commissione regionale per sollecitare nuovamente l’assessore Maurodinoia e l’ingegner Marzi a rispettare il cronoprogramma per il cantiere Orimini, San Paolo, Martina Franca.

“A nulla è servita la petizione firmata da 1.200 cittadini per porre fine al cantiere ancora una volta chiuso che causava disagi infiniti non solo agli automobilisti e autotrasportatori abituali, ma anche ai turisti che visitano la Valle d’Itria.

“A questo punto considerato che l’intervento è stato finanziato con circa 35 milioni di euro, prevede, oltre alle nuove rotatorie, già realizzate, anche la realizzazione della quarta corsia proprio sul tratto Orimini dove, proprio i lavori di sistemazione della statale da tempo stanno costringendo gli automobilisti a percorrere, in direzione Taranto, il tratto alternativo in area Orimini e, in direzione Martina, un tragitto a corsia unica, percorso quotidianamente anche dai mezzi pesanti, mettendo a repentaglio la sicurezza degli automobilisti ho presentato un’interrogazione al presidente della Regione e all’assessore ai Trasporti per sapere se sono a conoscenza dello stato attuale dei lavori del tratto e se intendano adottare urgentemente tutti gli strumenti utili al fine di scongiurare un ennesimo ritardo della consegna dei lavori prevista, ricordo, per giugno 2022.”

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?