Edilizia reversibile: progettare per smontare e riutilizzare. La ricerca di un architetto di Martina Franca

/ Autore:

Ambiente, Società


Le tecnologie reversibili sono gli strumenti tecnici e gestionali che consentono a un sistema costruttivo (componenti e edifici) di ritornare al proprio stato originario. Tali tecnologie sono il punto di partenza per poter applicare strategie circolari, come il riuso, la rigenerazione (remanufacturing) e il riciclaggio su componenti che hanno acquisito un certo grado di obsolescenza funzionale.

Se il componente viene assemblato a secco (senza utilizzo di colle o sistemi a umido), il disassemblaggio non è sempre reversibile e a volte lo stato del componente, una volta disassemblato, non consente il riutilizzo o la rigenerazione che, rispetto al riciclaggio, hanno minori impatti ambientali ed economici. Per tale motivo risulta importante progettare e costruire sistemi costruttivi realmente reversibili sia a livello tecnologico che di processo. La pianificazione e gestione del ciclo di vita dei componenti e dell’intero edificio permettono di responsabilizzare tutti gli operatori coinvolti e generare un processo costruttivo circolare e sostenibile.

Tali temi sono stati affrontati nella ricerca di dottorato della ventottenne Tecla Caroli, nata a Martina Franca e milanese di adozione da quasi dieci anni. Attraverso la sua professione cerca di offrire il suo contributo per una società sostenibile e consapevole.

Tecla Caroli già Architetto, si è Dottorata con Lode lo scorso 6 Maggio presso il Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito del Politecnico di Milano, con la ricerca “Reverso: Reversible Technologies towards reusing, remanufacturing and recycling“. Dal 2018 è assistente alla Didattica e Relatrice di Tesi per Corsi di Laurea Triennale e Magistrale in Architettura presso il Politecnico di Milano su temi che riguardano Tecnologia dell’Architettura e Sostenibilità applicata al settore delle Costruzioni; ricercatrice e consulente LCA (Life Cycle Assessment) e Social Media Manager per l'”Associazione Rete Italiana LCA”. Scrive articoli scientifici relativi ai suoi temi di ricerca su giornali/riviste di settore. È membro dei Gruppi di Lavoro e Ricerca di diverse organizzazioni: Associazione Rete Italiana LCA, ICESP (International Circular Economy Stakeholder Platform), SITdA (Società Italiana della Tecnologia dell’Architettura) e GBC (Green Building Council) Italia. Durante il terzo anno di dottorato ha trascorso il suo Visiting Period nello studio di architettura RAU Architects, per tre mesi, per sviluppare uno dei progetti pilota della ricerca.

Nel 2021 ha ricevuto la menzione d’onore per il concorso di saggi “Essay: Modular Architecture”, organizzato da Buildiner Architecture Competition, con il saggio “Modular and Reversible Architecture Towards Sustainability”.

Nel 2020 ha ricevuto la menzione per il progetto CO*RE3, sviluppato insieme al team di progetto “Re-Light” per il concorso “Workshop di Progettazione SITdA Under 40 | Upcycling degli Edifici ERP di Tor Bella Monaca a Roma”.

Nel 2018 si è laureata con lode in Architettura (Progettazione Tecnologica Ambientale) presso il Politecnico di Milano con il progetto di tesi “HOME*: Humanitarian and (un) Ordinary Machine for Emergency”, un sistema di emergenza abitativo presentato come il miglior progetto di tesi del Politecnico di Milano, in occasione della Milano ArchWeek 2018. Il progetto ha vinto il Medaglia d’Oro nella sezione “Architettura e tecnologie sostenibili”, per il premio “Premio Italiano Architettura Sostenibile – Fassa Bortolo 2020”, il terzo premio nella sezione “Ricerca” per il “BIM Digital Award 2021” e la menzione d’onore per il premio “After Damages Iterational Award 2021”, “Premio di Laurea per Miglior Tesi – Agnese Ghini 2019”. Il progetto di tesi è inoltre stato selezionato dalle riviste “Legno Architettura” e “IoArch” per due articoli che ne evidenziano l’innovativo contributo architettonico. Dopo la laurea, lavora per sei mesi, come architetto in GLA (Genius Loci Architettura), a Milano.

Attualmente lavora come Architetto e Consulente LCA presso la Società di Ingegneria Internazionale ARUP, nel Sustainable Development Team – Sede di Milano – scrive per riviste di architettura e tecnologia, come Costruzioni Metalliche, nella sezione “Architettura”.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?