Amministrative 2022. I 15 punti del programma sull’agro di Fratelli d’Italia

/ Autore:

Elezioni Amministrative 2022


Riceviamo e pubblichiamo nota del Coordinamento Cittadino di Fratelli d’Italia Martina Franca:

Mentre tutti i candidati al Consiglio Comunale di Martina Franca sono alle prese con la campagna elettorale il Coordinamento Cittadino di Fratelli d’Italia vuole ricordare alla cittadinanza quanto raccolto di testimonianze e proposte in questi anni, lavoro che ha condotto alla stesura del programma proposto per le amministrative 2022.

Nello specifico da tutte le Contrade, a partire dalla popolosa San Paolo alle più distanti come Capitolo sono emerse molte problematiche da risolvere e varie necessità di residenti, imprenditori e operai che frequentano costantemente l’agro martinese e che abbiamo sintetizzato e fatte nostre in 15 obiettivi di governo, parte integrante del programma elettorale di Fratelli d’Italia e della Coalizione con candidato sindaco Mauro Bello:

  1. L’avvio di efficaci politiche di ascolto e di partecipazione per individuare i maggiori bisogni provenienti dal territorio e dai suoi abitanti anche attraverso l’istituzione di un punto d’ascolto itinerante;
  2. Valorizzazione dell’immenso patrimonio storico, culturale a artistico rappresentato dalle masserie, dalle dimore storiche, dalle chiese rupestri e dai trulli, anche attraverso la creazione di percorsi turistici, possibili mediante l’attivazione di un servizio di bus turistico nella stagione estiva, che possano prevedere visite guidate in itinerari storico-culturali ed eno-gastronomici;
  3. Potenziamento e continuità dei percorsi scolastici esistenti e ripristino, ove possibile, della scuola secondaria di I grado;
  4. Recupero e innovazione delle infrastrutturazioni primarie e secondarie, ovvero ammodernamento dei plessi scolastici, realizzazione della viabilità di piano completa dei sotto servizi (acqua, fogna, elettrodotti, fibra, pubblica illuminazione e marciapiedi etc.), dando priorità a quelle a servizio degli edifici residenziali e attività produttive esistenti;
  5. Monitoraggio del sistema viario per individuarne tutte le criticità e intervenire con progetti di ristrutturazione e sistemazione delle principali strade di collegamento;
  6. Potenziamento del trasporto pubblico urbano su gomma, favorendo servizi di mobilità e trasporto intelligente, in grado di promuovere e sviluppare un sistemi integrati, tesi a migliorare l’accoglienza degli utenti in prossimità delle stazioni ferroviarie;
  7. La razionalizzazione e l’ottimizzazione del servizio di pulizia delle strade e delle aree comunali, nonché di raccolta differenziata che va reso più efficace e sostenibile per garantire sicurezza, decoro e facilità di conferimento: riduzione della Tari per tutte quelle utenze che non usufruiscono del servizio porta a porta (come deciso da uno specifico pronunciamento della Cassazione);
  8. Adeguamento con interramento di tutti gli elettrodottiesistenti rientranti nella perimetrazione urbana o comunque ad alta densità di popolazione residente con rapido completamento dei lavori avviati nelle diverse contrade con particolare attenzione alle aree antistanti le Chiese e di parcheggio, spesso luoghi di incontro e di massima aggregazione nell’agro.
  9. Il potenziamento dei servizi essenziali (rete idrica e del gas metano) con messa in esercizio dei nuovi tronchi idrici realizzati in ampliamento alla vecchia rete idrica e funzionali allo sviluppo delle aree di perimetrazione urbana;
  10. Individuazione di aree idonee alla creazione di nuovi impianti di depurazione
  11. Potenziamento e razionalizzazione degli impianti di illuminazione pubblica, ricorrendo anche all’impiego di energie rinnovabili, con lo scopo di garantire più sicurezza ai residenti e alle aziende operanti nelle contrade
  12. L’istituzione di un apposito sportello per l’Agricoltura con il compito di intercettare i finanziamenti pubblici e privati derivanti dai bandi di settore per lo sviluppo dei comparti agroalimentare, zootecnico e del turismo rurale anche attraverso il recupero e la riqualificazione di immobili da destinare alle attività inerenti ai diversi settori di attività;
  13. Il sostegno alla filiera agroalimentare attraverso azioni di valorizzazione del comparto che possano prevedere anche il supporto finanziario per la partecipazione a tutte quelle manifestazioni (fiere, rassegne dedicate, ecc.) finalizzate alla promozione del settore, ma anche la diffusione dei luoghi e della realtà rurale martinese, sia in Italia e che all’estero;
  14. Il sostegno al comparto della zootecnia, per la tutela e la valorizzazione delle preziose razze d’allevamento presenti nel nostro territorio, a partire dal Cavallo Murgese e dall’Asino di Martina Franca;
  15. Incentivi per la creazione di Masserie Didattiche; promozione e valorizzazione delle attività realizzate (percorsi di educazione ambientale e di conoscenza del settore agroalimentare e zootecnico, recupero degli antichi mestieri) attraverso il coinvolgimento degli istituti scolastici.

Siamo fortemente convinti che essere vicini al cittadino significa attenzionare ogni singola esigenza sia essa “vicina” al Palazzo Ducale, o dislocata in un territorio quello comunale martinese tra i più esteri della Puglia, ragione per cui abbiamo voluto comunicare alcuni dei nostri punti di partenza che dal 13 giugno prossimo auspichiamo di mettere in atto.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?