Campi estivi. Dal Comune online il bando per le associazioni del settore

/ Autore:

Società


Campi solari, sul sito del Comune l’avviso pubblico per le associazioni. Di seguito nota della segreteria del sindaco di Martina Franca:

E’ stato pubblicato sul sito istituzionale del Comune  www.comune.martinafranca.ta.it l’avviso pubblico per l’acquisizione della disponibilità da parte delle associazioni di promozione sociale del territorio interessate all’attuazione di campi solari estivi. I campi solari estivi sono riservati ai minori residenti nel Comune di Martina Franca, in carico ai servizi sociali e socio-sanitari del territorio, anche con disabilità, di età compresa tra 6 e 15 anni,  con priorità per i minori appartenenti a famiglie il cui ISEE relativo all’anno d’imposta 2021 non sia superiore a 7.500,00 euro. Tutti i requisiti per la partecipazione sono elencati nell’avviso.

Le attività, programmate e realizzate per la durata di almeno quattro settimane, dovranno essere assicurate dal 27 giugno al 6 agosto 2022, dal lunedì al venerdì, in fascia antimeridiana o pomeridiana, per non meno di quattro ore al giorno. La domanda e la relativa documentazione devono tassativamente pervenire al Comune di Martina Franca entro le ore 12:00 del 15 giugno 2022 tramite pec all’indirizzo protocollo.comunemartinafranca@pec.rupar.puglia.it o anche in busta sigillata (con apposizione sui lembi di chiusura di timbro e firma del legale rappresentante) recante sulla parte esterna il nome del mittente con la suddetta indicazione, inviata a mezzo servizio postale con raccomandata A.R. o consegnata a mano all’Ufficio Protocollo.

Per eventuali informazioni e/o richieste di chiarimento sull’avviso e sulle procedure di presentazione delle proposte progettuali, i soggetti interessati possono rivolgersi all’indirizzo protocollo.comunemartinafranca@pec.rupar.puglia.it indicando in oggetto richiesta chiarimenti avviso pubblico campi estivi 2022, oppure possono telefonare ai seguenti recapiti telefonici: 080/4836403 – 278.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?