Contrasto all’omotransfobia, Lopalco: la Puglia merita una legge che riconosca pari diritti per tutti

/ Autore:

Società


Legge contro l’omotransfobia, Lopalco (Gruppo Misto – Articolo Uno): “Valorizzazione delle differenze come strumento per educare alla cultura della non discriminazione”:

“Non c’è più tempo. La Puglia, da sempre regione in prima linea nella lotta alle discriminazioni e alle violenze nei confronti della libertà altrui, merita una legge che riconosca pari opportunità di trattamento ai cittadini e alle cittadine, al di là dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere”. È quanto afferma il Consigliere regionale di Articolo Uno Pier Luigi Lopalco, Presidente del Gruppo Misto e firmatario della pdl esaminata oggi nella seduta congiunta della III e VI Commissione consiliare, il quale, nel corso della seduta, è intervenuto per portare il proprio contributo alla discussione.

“Al di là delle diverse sensibilità sul tema, che pure sono legittime – ha dichiarato Lopalco – il principio della legge deve essere uno: la valorizzazione delle differenze intese come valore aggiunto e come risorsa, come opportunità di arricchimento e crescita per gli individui. Perché è proprio nelle differenze che una società e i cittadini crescono più sicuri e più ricchi di opportunità. Per fare ciò occorre investire nella cultura del rispetto e del reciproco riconoscimento dei diritti, garantendo a ciascun individuo la possibilità di vivere pienamente i propri affetti. I frequenti episodi di violenza contro le persone omosessuali e transessuali, e più in generale contro chi viene considerato “diverso”, richiamano tutti noi alla responsabilità. Discutiamo, confrontiamoci, ascoltiamo tutti quei soggetti che possono, con i propri contributi, apportare migliorie al testo. Una cosa sola non possiamo fare, sprecare questa occasione! Personalmente sarò felice di collaborare, così come richiesto dai colleghi, emendando la parte riguardante la valorizzazione al fine di spiegare meglio il principio alla base di questa legge”.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?