Arte e contaminazioni. Una delegazione sudamericana in visita a Palazzo Ducale

/ Autore:

Cultura


“Martina tappa di “Arte e contaminazioni”, confronto fra culture promosso dal Comune di Crispiano:

Cordiale incontro fra il Sindaco Gianfranco Palmisano e dell’Assessore alle Attività Culturali Carlo Dilonardo con l’Assessore alla Cultura del Comune di Crispiano Aurora Bagnalasta, due amministratori del Comune di Milano, Diana De Marchi, Presidente Commissione Consiliare Pari Opportunità e Diritti Civili e Filippo Barberis Presidente gruppo consiliare Partito Democratico Beppe Sala, che seguono le comunità dell’America Latina e una delegazione di artisti sudamericani. La visita rientra nel programma dell’iniziativa promossa e organizzata dal Comune di Crispiano e patrocinata dalla Regione Puglia “Arte e Contaminazioni – Incontro internazionale di culture a confronto”, una tre giorni dedicata all’arte, alla musica e ai dibattiti, che coinvolge anche l’Assessorato alle Attività Culturali del Comune di Martina. Infatti, le sale del piano nobile di Palazzo Ducale ospitano la mostra di alcune tele.

“La visita dei due amministratori del Comune di Milano è stata molto gradita poiché i confronti fra amministratori di diverse città del nostro Paese costituiscono un momento di arricchimento. Ringraziamo per il coinvolgimento del Comune di Martina, l’Assessore alla Cultura Aurora Bagnalasta e il Sindaco Luca Lopomo; col Comune di Crispiano da tempo c’è un costante rapporto di collaborazione. La mostra che ospitiamo rientra in uno scambio interculturale che ci è stato proposto e abbiamo accolto molto favorevolmente. Siamo una città aperta e accogliente, sempre pronta a ospitare iniziative che favoriscono gli scambi culturali”. Hanno sottolineato il Sindaco Palmisano e l’Assessore Dilonardo.

La tre giorni “Arte e Contaminazioni” si concluderà a Crispiano il 28 luglio, in piazza Madonna della Neve, con un concerto gratuito di Antonio Da Costa, musicista noto anche in alcuni Paesi dell’America Latina fra cui il Perù.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?