PNRR, il Comune cerca un ingegnere e un architetto per la stesura dei progetti

/ Autore:

Società


Progetti del PNRR, bando per il conferimento di due incarichi di collaborazione professionale a un ingegnere e a un architetto:

Il Comune di Martina ha indetto una selezione per il conferimento di 2 incarichi di collaborazione professionale (n.1 ingegnere e n.1 architetto) con profilo di tecnico corrispondente all’ambito di intervento ”progettazione tecnica, esecuzione di opere e interventi pubblici e gestione dei procedimenti legati alla loro realizzazione ( es. mobilità, lavori pubblici, rigenerazione urbana ed efficientamento energetico, ecc.). L’incarico ha una durata di 3 anni.

Il reperimento dei due tecnici ha come obiettivo quello di potenziare la task force che si occupa di misure e progetti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza al fine di cogliere le opportunità di finanziamento che si presentano e di dare esecuzione ai progetti presentati dal Comune e già finanziati dal PNRR. La procedura selettiva è stata attivata sulla scorta delle norme sulle misure urgenti per l’attuazione del Piano.

“Solo con professionisti esperti potremo raggiungere tutti gli obiettivi del PNNR per la nostra comunità, pertanto abbiamo colto immediatamente la possibilità del ministero di finanziare queste collaborazioni che saranno essenziali per il comune sia in fase di progettazione che di esecuzione degli interventi di finanziamento”. Ha spiegato Nunzia Convertini, Vicesindaco e Assessore ai Lavori Pubblici e al PNRR.

La domanda dovrà pervenire al protocollo del Comune entro le ore 12.00 del 23 novembre prossimo, termine perentorio contenuto nel bando, ed essere inviata tramite posta elettronica certificata al seguente indirizzo: protocollo.comunemartinafranca@pec.rupar.puglia.it

L’avviso di selezione e l’apposito modulo per la presentazione dell’istanza sono reperibili sul sito istituzionale del Comune di Martina Franca – sezione Amministrazione Trasparente – al seguente link

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?