Per futili motivi uccide il vicino e si toglie la vita. Accade a Villa Castelli

Questa mattina, intorno alle 8.30, un uomo di ottantuno anni, Carmelo Cantoro, ha ucciso a fucilate Nicola Lacorte, di 53 anni, imprenditore edile. Non si conosce ancora la versione ufficiale della vicenda, ma da quanto hanno ricostruito i colleghi di Brindisireport, tra i due uomini, vicini di casa relativamente da poco, un anno, da quando l’imprenditore si era trasferito nella villetta, non correva buon sangue.

“Con ogni probabilità sono stati i familiari di Lacorte i primi a lanciare l’allarme, dopo aver sentito i colpi di fucile. Sul posto si sono recati i soccorritori del 118, ma per entrambi non c’era più nulla da fare. I carabinieri della locale stazione e i colleghi della compagnia di Francavilla Fontana, coordinati del pm di turno del tribunale di Brindisi, Luca Miceli, sono al lavoro per chiarire la dinamica dei fatti. Al momento dell’arrivo dei militari, da quanto appreso, i due corpi giacevano sull’asfalto. L’81enne avrebbe esploso almeno quattro colpi con il suo fucile da caccia. Nell’abitazione del pensionato sono state trovate due bombole del gas aperte. Questo apre inquietanti scenari sulle sue intenzioni” si legge su Brindisireport.

“All’origine della tragedia alcuni problemi di vicinato. L’81enne, ad esempio, non sopportava il rumore del furgoncino su cui ogni mattina il 51enne caricava gli utensili di lavoro da intonacatore, ma nei mesi scorsi c’erano stati altri litigi legati al parcheggio di alcuni mezzi che ostacolavano il passaggio. A lanciare l’allarme sono stati gli altri vicini. L’81enne ha esploso solo un colpo di fucile, poi ha cercato di scappare in campagna, prima di decidere di togliersi la vita.”, si legge invece su Quintopotere.

Nicola Lacorte lascia una moglie e due figli. Aveva anche tre fratelli, noti sul territorio, a cui va il nostro cordoglio.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.