SS 172, la strada è ancora lunga. Perrini: Maurodinoia torni sul cantiere e ci dia risposte

Arriva la Pasqua e si torna a parlare dell’ormai mitologico cantiere che interessa la SS 172. Dopo la miriade di ritardi, di dichiarazioni di ogni tipo e comunicati stampa politici nei quali si parlava di “battaglie” e si minacciavano “azioni forti” (mai viste, ndr) da sostenere in Regione per accelerare i tempi oggi il consigliere regionale FdI Renato Perrini interviene nuovamente sulla questione, invitando l’assessore Maurodinoia sul cantiere di Orimini:

Le vicende che, da anni, tengono in ostaggio la statale 172 hanno di fatto, generato un gravissimo disservizio ai cittadini. Si tratta infatti, di una via tra le più importanti della regione per la viabilità dei residenti, dei turisti e per lo sviluppo economico perché, partendo da Gioia del Colle giunge a Taranto passando per località di grande attrattiva come Turi, Putignano e i principali centri turistici della sud-est barese e della Valle d’Itria come Alberobello, Locorotondo e Martina Franca, collegando il mare Adriatico con lo Jonio.

Ricordo che l’assessore ai Trasporti, Anita Maurodinoia, sulla 172, lo scorso novembre fece sapere che la perizia di variante, attesa già da gennaio dell’anno 2022, era stata approvata ed era stata notificata all’impresa che sta eseguendo i lavori. Ma questa variante comportava, di fatto, un ulteriore ritardo del completamento dei lavori, facendolo slittare al 25 agosto del 2024. Quindi alla fine della prossima estate.

Ricordo, la strada, fondamentale per la viabilità della Valle d’Itria, doveva essere consegnata nel 2020, siamo nel 2024 e francamente spero che il prossimo 25 agosto il cantiere sarà tolto. Intanto, va sottolineato che, seppure si rispettassero i tempi, quella che ci aspetta sarà l’ennesima estate di caos e disagi per gli automobilisti e turisti. Ma il mio realismo mi porta a fare una domanda: siamo sicuri che quella del 2024 sarà l’ultima estate? Per questo motivo ho sollecitato un sopralluogo con l’assessore Maurodinoia e l’ingegnere dell’Anas Vincenzo Marzi, per fare davvero chiarezza sui tempi per la fine lavori.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.