Tentato femminicidio. Condannato a 10 anni e 2 mesi. Il centro antiviolenza parte civile

È stato condannato a 10 anni e due mesi di reclusione l’uomo che il 15 ottobre scorso ha tentato di uccidere l’ex moglie, in via Elio Vittorini, a Martina Franca.

I lettori ricorderanno quel tragico pomeriggio di domenica, quando una donna è stata vittima di una violenta aggressione da parte dell’ex marito, armato di coltello, che l’ha colpita diverse volte, fino a lasciarla riversa in una pozza di sangue. Furono gli abitanti del quartiere a dare l’allarme e con il loro intervento a mettere in fuga l’uomo, che poi fu arrestato mentre vagava per Cisternino.

Ieri il gup Gianna Martino del Tribunale di Taranto ha emesso la sentenza secondo il rito abbreviato, condannando l’uomo alla pena di dieci anni e due mesi di reclusione. Sono state ammesse tutte la parti civili: l’ex moglie, rappresentata dall’avvocato Filomena Zaccaria, i tre figli, difesi da Francesco Zaccaria e l’associazione Sud Est Donne, che gestisce il centro antiviolenza di Martina Franca “Rompiamo il silenzio”, rappresentata da Caterina Argese.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.