Scritte sulle auto e simboli fascisti: due autori diversi. Nella notte un altro sfregio

Nella notta un’auto è stata completamente imbrattata di vernice arancione, con svastiche e simboli osceni. È l’ennesimo atto vandalico fatto di notte, in pieno centro, a Martina Franca, il terzo in ordine di tempo.

Il primo è stato il fiorire di scritte inneggianti al fascismo, che hanno deturpato il centro e la Villa Garibaldi, con chiari riferimenti al ǝɔnp. Scritte che il Comune ha prontamente cancellato, perché una città civile non dovrebbe permettere il ritorno di questi fenomeni (e sarebbe opportuno che qualora il gruppo autore del gesto fosse riconducibile ad ambienti precisi, fosse messo al bando).

Qualche giorno dopo le scritte sulle auto, il cui presunto autore, un 58enne di Martina, è stato individuato dalle indagini del Commissariato della Polizia di Stato di Martina Franca. Le indagini hanno permesso di determinare che sono due le mani che hanno agito: “Dai primi accertamenti svolti dai poliziotti della Volante del Commissariato, le scritte, prodotte con vernice chiara, sono apparse prive di significato e, quasi certamente, non riconducibili alla stessa mano che, nell’ultima settimana, aveva riprodotto simboli celtici nell’area della Villa Garibaldi“.

A seguito della comparsa delle scritte argentate sulle auto, fatte nella notte tra mercoledì e giovedì, in città qualcuno ha provato a suggerire che le croci fasciste e le scritte sulle auto siano state fatte dalla stessa mano. Un narrazione messa in giro evidentemente per sminuire il fenomeno della presenza fascista in città, che non va sottovalutato.

Oggi, mentre gli scout prendono posizione e chiedono alla città di partecipare ad un momento comunitario contro il fascismo, Martina Franca si sveglia con un’altra auto deturpata, questa volta con svastiche.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.