Distributore in Valle d'Itria: la Regione Puglia ammette l'errore e annulla il parere positivo.

Con una nota del 31 maggio scorso, dopo le pressioni affinchè la pratica venisse rivista da parte del Forum delle Associazioni per la Tutela del Territorio di Martina Franca e dopo il tam tam sui social network che chiedevano spiegazioni sul caso, la Regione Puglia ammette di aver fatto un “errore materiale” e quindi annulla il parere positivo. “Accertato che” dice la nota “per mero errore materiale […] non veniva richiamata la necessità di acquisire […] il parere vincolante della competente soprintendenza […] con la presente ANNULLA il parere espresso nella Conferenza dei Servizi”. Ma siccome la Sovrintendenza non è stata invitata alla suddetta conferenza, non ha potuto esprimere un parere. La Regione, alla fine, invita il SUAP di Martina Franca a prendere le dovute decisioni. Nel frattempo però, la richiesta firmata dai 448 cittadini rimane inascoltata. Per questo riteniamo opportuno ribadirla con forza: quale idea di territorio e del suo sviluppo sta alla base della decisione di autorizzare la costruzione di un distributore di carburanti in piena Valle d’Itria e non, per esempio, nella Zona Industriale?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.