Ratti in zona Votano

/ Autore:

Società



I residenti della zona del Votano di Martina Franca tornano a farsi sentire, e lo fanno per segnalare una situazione di sicuro disagio ambientale che si sta verificando (nuovamente) nella zona che si trova a ridosso del centro storico e che potrebbe rivelarsi, se ben curata, uno splendido polmone verde da regalare alla città e ai suoi visitatori. In particolare, il Comitato di Via Trento, Via Votano, Via della Valle, Via Mulino San Martino, Via Pisacane, Via Rossini ha inviato una lettera di segnalazione il 13 luglio scorso al commissario prefettizio del Comune di Martina Franca e all’Ufficio Igiene dell’A.S.L. territoriale per segnalare la presenza di carcasse di ratti rinvenute sull’asfalto della piazzetta che si viene a creare all’incrocio tra Via Trento, Via Votano e Via della Valle. Nel giro di due giorni ne sono state rinvenute diverse, e la situazione è divenuta preoccupante anche per la segnalazione non solo di ratti, ma anche di numerosi insetti che provengono dalla zona Votano, non bonificata, e che si riversano sulla strada, provocando immaginabili disagi non solo ai residenti, ma anche al supermercato ivi presente, alle altre attività commerciali e, in generale, a chiunque transiti in zona o vi sosti. «Considerando che nell’aprile scorso l’allora Sindaco Franco Palazzo, accompagnato dal dirigente comunale Giuseppe Mandina, aveva effettuato un sopralluogo durante il quale era stata fatta promessa verbale affinché venisse indetta una gara d’appalto per la bonifica della zona Votano, – fa sapere il presidente Michele Castellana in qualità di portavoce – il comitato ha sollecitato un intervento da parte del Comune e della Asl affinchè provveda al più presto ad un’opera di bonifica, viste le condizioni climatiche e lo stato di incuria in cui versa la zona, diventata nuovamente discarica a cielo aperto, oltre che ricettacolo di potenziali fattori dannosi all’igiene e alla salute pubblica». Sulla base di questi motivi il Comitato ha chiesto un intervento immediato del Comune, sollecitando anche un incontro con il Commissario Prefettizio per illustrare le problematiche della zona e per avanzare proposte concrete di collaborazione dei residenti perchè la zona diventi un polmone verde fruibile a tutta la città. Non avendo ancora ricevuto alcuna risposta in merito, il Comitato dichiara che  «si sta già organizzando per provvedere in proprio e in collaborazione con eventuali cittadini che abbiano a cura la salute della propria città ad effettuare un’opera di ripulitura e di messa in sicurezza della zona, fin dove sarà possibile senza infrangere la legge».


commenti

E tu cosa ne pensi?