Nuoto: nuova impresa in vista per Pino Carrieri

/ Autore:

Altri sport, Sport


Nuova impresa in vista per il nuotatore ultra maratoneta Pino Carrieri. Il martinese, appartenente al gruppo sportivo Albatros, il prossimo 27 agosto, sarà nelle acque salentine per sfidare il mare nella traversata individuale che da Otranto lo porterà a Santa Maria di Leuca.

Obiettivo dichiarato è percorrere i cinquanta chilometri di mare in un tempo compreso tra le 14 e le 16 ore.

«Non è la prima volta che mi cimento con una gara in mare – ha spiegato lo stesso Carrieri – ma non sono mai arrivato a coprire simili distanze». Per lui allenamenti quotidiani nelle acque di fronte a Villanova di Ostuni, per gestire al meglio onde e correnti, l’ostacolo principale per chi nuota in mare aperto. «Rispetto alla piscina, dove la nuotata è protetta – ha proseguito – quando si è in mare bisogna portare la bracciata più in alto, così come bisogna tenere anche la testa alta e in avanti per non perdere la traiettoria. Questo, unito alla forza che serve a contrastare le correnti, porta ad un maggiore dispendio di energie».

Pino, ad Otranto già dal 25 agosto per rivedere e memorizzare al meglio il percorso, sarà accompagnato in questa avventura dai tecnici del gruppo sportivo Martino Barratta e Mario Scognamiglio, che lo seguiranno dalla barca di appoggio. «Decisivi, per l’organizzazione di questa sfida che abbiamo ideato io e il mio allenatore, e che non a caso abbiamo voluto denominare “Prima traversata Otranto-Santa Maria di Leuca” – ha concluso Carrieri – sono stati il gruppo sportivo dell’Albatros e il m io sponsor personale, la Digital System».

Appuntamento alle ore 5,00 del 27 agosto ad Otranto dunque, con la possibilità di seguire davvero da vicino l’impresa. La “Onda Blu” (www.onda-blusrl.it) infatti, oltre a mettere a disposizione il gommone per allenatori e staff medico, seguirà la traversata con la Mistral II, barcone con servizio ristornate e bar con 105 posti a disposizione per chiunque voglia accompagnare questa sfida.


commenti

E tu cosa ne pensi?