Vietato ballare: "Sogni d'oro Martina Franca"

Il malumore provocato dalla diffida del Comune nei confronti dei bar martinesi sembra un’onda che non accenna ad arrestarsi. Il proprietario del 37 Music Art Cafè di Martina Franca tramite la sua bacheca di Facebook lascia un amarissimo commento alla vicenda. Essendo molto significativo per capire il punto di vista di un esercente sulla vicenda, lo copiamo e lo incolliamo così com’è:

SOGNI D’ORO MARTINA FRANCA
Una mattina come tante altre vai a lavoro, credendo di essere una persona corretta e onesta e invece qualcuno ti scrive che sei un molestatore. Uno che disturba il sonno degli altri!

Tu che lavori 18 ore al giorno, tu che credevi di aver fatto sempre tutto in regola, tu che credevi che in qualche modo insieme ad altre realtà martinesi in fondo avevi creato un qualcosa di buono, uno spazio aggregativo per molti e anche una microeconomia in cui orbitano i soldi che lasci ogni settimana alla Siae, i contratti e i compensi dei musicisti, l’Enpals, eventuali extra che chiami a lavorare.

Tutti costi che a volte a stento riesci a pareggiare ma che intraprendi sperando che ciò in qualche modo riesca a farti sopravvivere come pubblico esercizio. Con sacrificio siamo riusciti a rendere un po’ più movimentata le notti ai martinesi tamponando l’evacuazione di massa verso i paesi limitrofi e animando un economia cittadina ormai piatta e agonizzante.

Ora siamo “diffidati” come molestatori senza che nessuno ci abbia interpellati per trovare una soluzione condivisa e per di più immediatamente prima della festività natalizie, giorni in cui speri di risollevare il bilancio degli ultimi mesi. Sogni d’oro dunque a tutti quelli che anche a giusta ragione la notte vogliono dormire. Sogni d’oro ai d.j. e ai musicisti che lavoreranno molto meno. Sogni d’oro a chi “diffida” degli altri non avendo forse cognizione di quanto Martina sia ormai al collasso.

Sogni d’oro al dott. Di Santo che avrà tanto tempo libero in più non dovendo andare per locali a controllare che tutto sia in ordine. Sogni d’oro a chi deciderà la sera di andare dove la musica ancora non è bandita e le persone sono un po’ più tolleranti. Sogni d’oro Martina Franca con la speranza che non ti svegli quando ormai sarà troppo tardi.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

2 risposte a “Vietato ballare: "Sogni d'oro Martina Franca"”

  1. Avatar Antonio
    Antonio

    Che dire,non si può dire niente verso questa decisione,sono veramente deluso.Cmq perchè tutti i proprietari di queste attività non vanno a protestare in piazza verso questa ordinanza?Non basta scrivere commenti su facebook o su twitter,qui ragazzi bisogna cominciare ad incazzarsi ed a ribellarsi un pò.E che cazzo dai uno aspetta queste festività per guadagnare un pò di soldi(che servono per pagare un pò di debiti,non per diventare ricco) e un bel mattino ti vedi arrivare quest’ordinanza.Svegliamoci facciamo girare sui social network nel giro di poche ore una bella manifestazione contro questi amministratori del ca….Raduniamoci domattina in piazza per protestare ed ottenere almeno dei permessi per queste festività.

  2. Avatar Massimiliano Martucci
    Massimiliano Martucci

    Non è una questione di protesta, ma di proposta: gli esercenti dovrebbero mettersi insieme e fare una proposta di modifica al regolamento comunale e fare pressione perchè si realizzi il piano del commercio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.